I luoghi del bere News Suggeriti

Vinea lancia ad Offida la terza edizione di Piceno Open Anteprima

Dopo il grande successo delle prime due edizioni di Piceno Open Anteprima, svoltesi nel 2014 e nel 2015, sta per iniziare la terza edizione dell’evento.  Dal 27 aprile al 1 maggio torneranno, infatti, a Offida giornalisti di settore nazionali ed internazionali per la degustazione in anteprima delle nuove annate dell’Offida Docg e del Rosso Piceno Superiore.

Novità assoluta, l’inserimento nell’evento della città di Ascoli Piceno che ospiterà la cena di Gala per i giornalisti italiani e stranieri, in programma presso il Ristorante del Caffè Meletti, e la degustazione aperta al pubblico delle nuove annate, in programma in Piazza del Popolo il 30 aprile e il 1 maggio nell’ambito di Fritto Misto. A coorganizzare l’evento da quest’anno, insieme alla Vinea di Offida, anche il Consorzio Vini Piceni. La seconda edizione aveva richiamato 25 giornalisti di testate specializzate. L’evento è inserito nel progetto di filiera Piceno Open, promosso dalla Vinea di Offida, società che opera sul mercato da circa trent’anni e che associa circa 900 produttori agricoli. L’evento è il primo del genere per le Marche e nasce con l’obiettivo di diffondere le produzioni di questa area estremamente vocata alla coltivazione della vite (oltre la metà della superficie vitata delle Marche insiste sul territorio Piceno) sulla stampa di settore nazionale e internazionale, attraverso un incoming di giornalisti specializzati, che potranno così valutare e recensire sulle testate di settore la qualità dell’ultima annata prima dell’arrivo in commercio degli stessi vini, secondo uno schema già sperimentato e collaudato ormai da anni da tutte le principali zone di produzione.

“Il vino – commenta la Vice Presidente e Assessore all’Agricoltura Anna Casini – è uno dei migliori biglietti da visita della nostra regione, testimone di una crescita qualitativa che ha saputo coniugare il territorio con la straordinaria bellezza del paesaggio. Iniziative pregevoli come questa proposta da Vinea lo dimostrano. I dati più recenti evidenziano che i vini marchigiani stanno vivendo una stagione particolarmente vivace per quanto riguarda l’export. Le conferme arrivano dagli Stati Uniti che primeggiano nelle destinazioni di esportazione con il 16%. Seguono Svezia e Germania con il 12%. Soddisfazioni anche da Russia, Cina, Canada e Giappone con performance superiori alla media nazionale. Per crescere ancora però serve la massima collaborazione di tutti i soggetti. Attraverso i fondi previsti dal Piano di sviluppo rurale 2014-2020 la Regione sta incentivando operazioni di aggregazione delle aziende al fine di avere la forza di giocare un ruolo da protagonisti nel commercio internazionale. L’eccellente qualità del nostro vino è sicuramente un’ottima base di partenza per poter essere sempre più competitivi”.

La degustazione a numero chiuso riservata alla stampa di settore si terrà ad Offida, nella prestigiosa sede dell’Enoteca Regionale e si concentrerà sulla presentazione in anteprima dei vini appartenenti alla Docg Offida, in particolare Passerina vendemmia 2015, Pecorino vendemmia 2015, Offida Rosso vendemmia 2013 e Rosso Piceno Superiore vendemmia 2013.

Giovedì 28 aprile la giornata sarà interamente dedicata alla stampa di settore (sono già accreditati vari giornalisti provenienti dall’Italia e da Germania, Inghilterra, Irlanda, Svezia, Danimarca, Austria, Polonia e Grecia) con degustazioni dei vini e visita nelle aziende vitivinicole che aderiscono all’evento.

Dalle ore 16.00 di venerdì 17 aprile fino alla giornata di domenica 19 la degustazione delle nuove annate dell’Offida Docg e del Rosso Piceno Superiore verrà aperta al pubblico di appassionati, saranno inoltre invitati alla partecipazione tutti gli operatori economici di settore della nostra Provincia.

 

Articoli simili

Nino Negri : il prestigio della Valtellina

Redazione 111

La linea dei VEGETALI di “Le Conserve della Nonna” si rinnova

redazione1

Speciale domenica di Pasqua a il Ciocco tenuta e parco: protagonista il “pane di patate” presidio slow food

anna.rubinetto