L’Oro antico di Caiazzo

L’Oro antico di Caiazzo

Caiazzo è la terra del sole e la terra dell’olio

Omero chiama l’olio oro liquido. Nell’Odissea la dea Atena fa dono ad   Ulisse del prezioso prodotto della terra per dargli  vigore e bellezza.  Ippocrate,  già nel 400 a.C.,  esalta le sue qualità terapeutiche, come del resto i medici di oggi che elogiano le qualità benefiche dell’olio. Una pianta diffusa e nota ormai in tutto il mondo, simbolo della civiltà mediterranea. La sua storia si perde nei secoli e coinvolge spazi, popoli e culture diverse, segnando le tradizioni e le economie di intere comunità.  Esistono tante piante  diverse, ovviamente ogni tipo produce un determinato olio specifico.

L’Italia è il secondo paese produttore di olio al mondo. Tuttavia è ancora presente una scarsa cultura in merito. Sono tanti i falsi miti che ruotano attorno questo argomento tra cui, appunto, l’idea che l’olio d’oliva e quello extravergine d’oliva siano fratelli stretti quindi con caratteristiche molto simili.
Olio extravergine di oliva e olio d’oliva sono simili ma profondamente diversi con differenze notevoli sotto ogni aspetto: nutrizionale ed organolettico. Ma quale olio?
Quello di Caiazzo è fra i top della lista italiana. Caiazzo è uno splendido paesino dell’alto casertano  sito a 200 metri sul livello del mare, su di una collinetta in un lieve pendio verso sud, ai piedi del Monte Grande, una delle punte della catena dei Monti Trebulani.
Il vasto territorio si inserisce in un’ampia  ansa del fiume Volturno,  risultando  quindi  punto  di  riferimento  per  escursioni  naturalistiche.

Caiazzo fa parte dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, per tutelare e promuovere le sue antiche tradizioni di coltivazione  dell’ulivo e di produzione dell’olio extravergine di oliva.

L’olivicoltura è sicuramente una delle più antiche attività agricole praticata nel territorio ed ancora oggi la cittadina di  Caiazzo è conosciuta nella Valle del Volturno e più in generale nella provincia di Caserta per la sua produzione di olio e  per la  coltivazione  di una varietà autoctona  di  olio denominata “Tifata Calatia”, detta anche “Caiazzana”.

La peculiarità di questa antica pianta è quella di essere una varietà autoctona unica, con un proprio patrimonio genetico differente dalle altre specie.

L’Oro antico di Caiazzo

l’oleificio artigianale Oro di Caiazzo

Alla fine degli anni ’40 un avo della famiglia Cervo, Costantino Cervo, impiantò a Caiazzo uno dei primi frantoi oleari a trazione animale. Il figlio Giuseppe, che ne aveva ereditato la forte passione, realizzò nel 1950 un frantoio oleario meccanizzato che, nel rispetto di un suo preciso desiderio di continuità nel tempo della tradizione di famiglia, è passato al genero Marco Mondrone.

Dalla famiglia Cervo a Marco Mondrone e ai figli: passione che si tramanda di  generazione in generazione, tradizione che continua nel tempo, voglia di crescere perseguendo la qualità.

La nascita di un grande Olio Extra Vergine di Oliva Artigianale prevede infatti un lungo percorso pieno di  notevole impegno,  vasta esperienza e grande passione: solo questi elementi assicurano un prodotto artigianale di alta qualità.

Siamo sempre stati convinti che un buon olio nasca da un’ottima lavorazione e da grandi competenze, ma soprattutto da una buonissima materia prima” ha dichiarato Marco Mondrone.

L’Oro antico di Caiazzo

L’olio “Oro di Caiazzo”  è un extravergine d’oliva 100%  italiano, ottenuto dalla prima spremitura a freddo delle olive di differenti cultivar, tra cui spicca la Caiazzana.

In occasione della 30esima edizione degli Internazionali di Tennis di Caserta (ITF Casera), Oro di Caiazzo è stato scelto per rappresentare i sapori della terra.

Francesco Vitiello,  miglior pizzaiolo emergente 2017 per Gambero Rosso,  ha recentemente rimarcato:  “Ho selezionato l’Oro di Caiazzo per esaltare il gusto di un prodotto semplice ma di alta qualità come la pizza”. Aggiunge Marco Mondrone : “Francesco Vitiello è la prima persona che ha creduto nel nuovo progetto, nonostante la sua giovane età”.

Passione che si tramanda di  generazione in generazione, tradizione che continua nel tempo, voglia di crescere perseguendo la qualità. L’azienda olearia che  ha come motto: “Passione, Tradizione, Qualità” ha fatto della qualità, dell’innovazione e della ricerca del gusto e del benessere i suoi valori che prendono vita in tutti i suoi prodotti.

Harry di Prisco

Print Friendly, PDF & Email
By | 2019-01-30T07:07:29+00:00 Gennaio 2019|News|