I luoghi del gusto Slide2

Particolare Milano, piatti fusion e un giardino spettacolare

Particolare Milano ha finalmente riaperto, dopo lunghi mesi di chiusura. Sempre nel rispetto della sicurezza dei propri clienti!

Il ristorante è la realizzazione del sogno di tre soci che, nonostante la giovane età, possono vantare una lunga esperienza nel settore della ristorazione e dell’ hotellerie.

Andrea Cutillo, chef, Luca Beretta, maitre e sommelier, e Mino Traversi, F&B manager di catene di hotel, hanno  dato vita ad un luogo accogliente e… particolare. Particolare Milano, piatti fusion e un giardino spettacolare

Il giardino nascosto di 100 mq dell’elegante ristorante milanese, immerso in un tripudio di piante verdi e suggestive luci che creano un’ atmosfera magica, soprattutto di sera, è un accogliente nido dove rilassarsi nel mitico quartiere milanese di Porta Romana,  pronto a regalare nuove emozioni, gastronomiche e non solo.

Il giardino, dove sono disponibili oltre 40 coperti, è come una serra, fruibile sia in estate, aperta e con il cielo a fare da soffitto,  sia in inverno, quando le vetrate possono riparare dal maltempo.

Per ora Particolare Milano offre posti esclusivamente all’aperto, ma, quando l’emergenza sanitaria sarà finita, ospiterà i propri clienti anche all’interno del locale.

La cucina e i vini 

Spaziando tra piatti della nostra tradizione, ma rivisitati in chiave moderna, lo chef Andrea Cutillo  ci porta anche in altri continenti, con spunti provenienti dall’Asia, sempre con grande attenzione alla qualità e alla provenienza degli ingredienti. Una cucina che bada più alla sostanza che alla presentazione d’effetto. 

La cantina propone sia vini di piccoli produttori che bottiglie di grandi case vinicole, come le bollicine di Prosecco Valdobbiadene millesimato, perfette per aprire il pasto, ma anche in abbinamento a tutte le altre portate, specialmente di pesce.
Una carta dei vini che spazia dal nord al sud Italia, per venire incontro alle preferenze dei clienti.

Sarà possibile anche acquistare tutte le bottiglie presenti in cantina a un prezzo da enoteca e servite alla temperatura ottimale. Inoltre, direttamente dal sito, si potrà acquistare un dining bond per un menu degustazione al valore di 50 euro al posto del classico da 60 con in omaggio un calice di benvenuto.

Per il momento dell’aperitivo, sempre trendy nella città che lo ha praticamente inventato, ogni settimana  nuove proposte da parte del sommelier Luca Beretta.

Il ristorante è totalmente plastic free, con asciugamani nei bagni riciclabili e un comportamento che mira alla lotta allo spreco dei rifiuti in cucina e al risparmio energetico (grazie al fornitore elettrico Lifegate).

Il menu

Ecco qualche piatto assolutamente da provare: il  “Raviolo croccante ripieno di ossobuco”, perfetto esempio di cucina fusion, grazie al ripieno tipico milanese, allo spunto asiatico, dato dalla farina di riso che costituisce la pasta del raviolo,  fino alla forma di panzerotto,  che evoca le origini napoletane dello chef.

Gli amanti del pesce non potranno mancare all’assaggio del “Polpo in tre cotture” (bollito, fritto e grigliato), servito in varie consistenze e temperature, con patata viola, olive taggiasche pomodori confit e sedano croccante.

Che dire della “Seppia e Piselli”, con la seppia che viene cotta a bassa temperatura in infusione con lime e zenzero? Servita con piselli in crema e interi, il nero di seppia spennellato e cialda al nero di seppia, sempre nell’ottica del recupero di tutta la materia prima, è semplicemente squisita!
Tutti i pesci sono accompagnati dal Certificato Friend of the Sea.

Come dessert, tra le varie scelte, non perdetevi  il “Tiramisù Particolare” con una base di crema al mascarpone classica, gel di savoiardi cotti nel caffè ed una sfoglia croccante degli stessi, sempre con il gusto tradizionale del semifreddo che tutti abbiamo imparato ad apprezzare. 

Il menù degustazione è di 6 portate scelte dallo chef, con abbinamento vini,  a 60 euro.

L’arredamento di Particolare Milano 

Particolare Milano è un ristorante davvero particolare, dove è facile sentirsi come a casa, tra arredi curati in ogni dettaglio dagli architetti Rodolfo Sormani, Alessandro Tonassi e Matteo Ranghetti, che hanno voluto evocare l’eleganza dei mitici sixties, ma con un tocco di contemporaneità.

Entrando nel locale non si possono non notare i rivestimenti in gres porcellanato,  che riproducono la trama di un tappeto a cui il tempo ha dato un’impronta vintage molto calda e familiare.

Grigio antracite e oro sono i colori principali, sia all’esterno, sia all’interno del locale. Abbinati alla luce soffusa creata dalle lampade dorate e a quelle trasparenti che si trovano sui tavoli, delineano un piacevole  stile metropolitano.

Il pensiero dello chef Andrea Cutillo  

 “Abbiamo ripensato a Particolare per garantire un contesto il più piacevole possibile, che faccia sentire a proprio agio senza doversi preoccupare delle distanze, un giardino felice che faccia dimenticare per un’ora la situazione in cui siamo caduti.

Per questo abbiamo totalmente rinnovato l’interno di Particolare, abbellito con fiori e piante di stagione, il nostro obiettivo è anche quello di creare un orto sospeso: gli ospiti potranno chiacchierare nella natura, trovandoci in centro Milano e io potrei approvvigionarmi lì per la verdura di stagione” racconta lo chef Andrea Cutillo.

“Inoltre manterremo attivo il servizio di asporto e delivery e a breve lanceremo un nuovo progetto di Cooking Box, dei “pacchetti” per giocare a fare lo chef, con tutti gli ingredienti e qualche passaggio facilitato per realizzare piatti gourmet”.

Il locale è aperto sia a pranzo che a cena, ma anche per un raffinato cocktail che vi farà fare un piacevole break, per staccare dalla routine quotidiana.

Claudia Di Meglio

Orari: Dal martedì alla domenica
Contatti: Via Tiraboschi 5
20135, Milano (MI)
Tel.+39 02 99266176
www.particolaremilano.com

Articoli simili

1 comment

Particolare Milano e #FoodForAll per la Charity Dinner - Sapori News 06/2021 at 11:21

[…] Particolare Milano e #FoodForAll aiutano le famiglie in difficoltà, con un menù pieno di sapori e di alta qualità. […]

Comments are closed.