Giornata mondiale dell’Alimentazione: meno carne = più sostenibilità

La Giornata mondiale dell’alimentazione, che celebrerà nella stessa data anche il 75° anniversario della FAO, in programma venerdì 16 ottobre, parte all’insegna dello slogan “Le nostre azioni sono il nostro futuro.”      

Secondo i dati registrati dalle ultime ricerche in materia di consumi alimentari, è evidente come la pandemia abbia contribuito a generare un repentino cambiamento in termini di abitudini di acquisto a livello mondiale.
Cambiano le condizioni di vita e di conseguenza cambia il carrello della spesa: la paura di un numero crescente di zoonosi come il COVID-19 e la consapevolezza relativa ai benefici nutrizionali offerti dagli analoghi vegetali sono i fattori che stanno guidando la crescita del mercato plant-based a scapito della carne.

Sempre più consumatori si stanno orientando verso alimenti a base di proteine di origine vegetale e stili di vita più sani – spiega Paola Di Giambattista, Healthy Food Specialist e Free From Chef, che smentisce anche un luogo ancora largamente diffuso – È vero che a causa di una vita sempre più frenetica abbiamo pochissimo tempo da dedicare ai fornelli, ma è altrettanto vero che con il nuovo trend dei meal prep, ovvero le preparazioni dei pasti della settimana già divisi per porzione, tutto diventa più semplice, pratico e veloce”.

Secondo l’ultima indagine condotta da Eurispes, i vegetariani e i vegani rappresentano complessivamente l’8,9% della popolazione: un record mai raggiunto prima. Anche la popolazione vegana è in aumento: rispetto al 2018 si è passati dall’1,9% al 2,2%.
Alla base della scelta di privilegiare un’alimentazione plant-based al posto di una a base di carne ci sono soprattutto la salute e il benessere (23,2%), seguiti da una incrementata consapevolezza e da un crescente rispetto verso il benessere del mondo animale (22,2%).
Per il 17,2% dei vegetariani/vegani questo stile alimentare è inoltre parte integrante di una più ampia filosofia di vita.

In occasione della Giornata mondiale dedicata all’alimentazione sono tantissimi i professionisti che hanno deciso di offrire il loro contributo con ricette e proposte di ogni tipo.

Secondo Paola Di Giambattista, la chef  che basa la sua filosofia culinaria su un’alimentazione di tipo vegetale, sostenibile e consapevole, “Apportando delle piccole modifiche alla propria dieta, è possibile guadagnare in salute preservando l’ambiente”.

Se dovessi proporre il menù di una ‘giornata sostenibile’ suggerirei delle gustose ricette a base vegetale dove gli ingredienti siano prodotti del territorio, in cui la materia prima abbia viaggiato poco per raggiungere la tavola e sia stata trasformata e manipolata il meno possibile”, prosegue la chef.

Questa la proposta di menù per un perfetto meal prep, da gustare durante tutta la giornata.

Colazione:

Omelette di sole chiare d’uovo con cannella, sciroppo d’acero e nocciole (ricetta vegetariana);
Frittata di lenticchie rosse e farro con cannella, sciroppo d’acero e noci (alternativa vegan);
+ latte di mandorla al cacao amaro + caffe’

Spuntino:

1 frutto di stagione

Pranzo:

Riso integrale con pesto di rosole (erbe del papavero) o spinaci e mandorle (ricetta vegan);
Bowl di zucca, funghi, porro e nocciole, condita con olio di zucca e semi di sesamo (ricetta vegan);

Cena:

Trancio di salmone selvaggio al cartoccio con erbe saltate;
Tofu marinato alla griglia con erbe saltate (alternativa vegan);
Vellutata di cavolfiore con crostini di segale;

La mia filosofia di cucina inclusiva base le sue fondamenta proprio su questi 3 semplici ma potenti concetti utilizzati appunto come slogan della giornata: coltivare, nutrire, preservare. Insieme, specifica Di Giambattista.

Coltivare, privilegiando i prodotti dell’orto o i mercati sostenibili di produttori locali, la stagionalità e il territorio e acquistando possibilmente prodotti bio local.

Nutrire, scegliendo consapevolmente gli ingredienti grazie al loro potere nutrizionale e terapeutico, privilegiando ingredienti naturalmente di origine vegetale.

Preservare e non sprecare, imparando a fare una spesa oculata e consapevole, trattando la materia prima con responsabilità e utilizzando anche le parti che vengono considerate “meno nobili”, recuperando le ricette della cucina popolare e della tradizione.

Insieme: tutto diventa più facile, anche cambiare il proprio stile di vita e la propria alimentazione, sostenendosi per non ricadere nelle vecchie abitudini. “Esistono tantissime community che raggruppano persone mosse dalle stesse passioni, dagli stessi valori e dagli stessi interessi, che promuovono proprio questo tipo di cambiamento”, conclude la chef.

Paola Di Giambattista

Paola Di Giambattista è una Healthy Food specialist, Free from Chef e Nutritional Cooking Consultant, ovvero un’esperta in campo di alimentazione plantbased (a base vegetale) e per intolleranti.
Il suo concetto di cucina è molto semplice: sano, gustoso, senza proteine animali né derivati. Le proposte healthy di Paola Di Giambattista coniugano la Nutraceutica, cioè il potere terapeutico di alcuni ingredienti denominati superfood, con il gusto e la forma.

I punti cardine della sua cucina sono l‘assenza di prodotti di origine animale e loro derivati, la presenza elevate di fibra, le farine antiche e non raffinate e la selezione di zuccheri complessi a lento rilascio, per mantenere alta l’energia durante tutta la giornata.

By | 2020-10-20T05:41:40+02:00 Ottobre 2020|Eventi|