Clayver a Viteff: arrivano le botti di grande dimensione

 

L’azienda di Vado Ligure presenta al Salone Internazionale delle Tecnologie Spumanti i nuovi contenitori in ceramica di grande capacità. Igiene, sicurezza e praticità anche nel grande formato

Clayver sempre più grandi. È la novità che l’azienda di Vado Ligure porterà al Viteff, il Salone Internazionale delle Tecnologie Spumanti in programma a Epernay dal 15 al 18 Ottobre.

La realizzazione di contenitori molto grandi, con capacità superiori ai 1000 litri, in ceramica è molto complessa, se si vuole uscire dal perimetro dell’artigianato, oltre a essere costosa e a porre seri problemi per la sicurezza degli operatori in cantina. I materiali ceramici infatti, in caso di urto violento, si fratturano in modo cosiddetto fragile e possono colpire con la forza delle tonnellate di vino contenuto chi sosta nelle vicinanze. Si pone pertanto un problema di protezione con apposite griglie o telai, oppure di diversa progettazione.

Clayver ha scelto questa seconda strada, realizzando e brevettando sistemi modulari di ceramica-acciaio-cemento che riuniscono le migliori caratteristiche di tutti questi materiali e consentono la realizzazione di contenitori di volumi molto elevati, mantenendo le massime condizioni di igiene, sicurezza e praticità.

Clayver è sempre stata un’azienda dinamica – dichiara Luca Risso, responsabile ricerca e sviluppo dell’azienda – nata con lo scopo di diffondere e far conoscere sempre di più l’impiego della ceramica in enologia. Siamo partiti da contenitori di dimensioni medio piccole, che rappresentano ancora la soluzione ideale per la gestione dei singoli cru e per le produzioni di maggiore pregio o quando sia necessario un particolare rapporto tra il volume della massa e l’apporto di ossigeno. È tuttavia innegabile che anche la richiesta di contenitori di grandi dimensioni sia giustificata”.

Questa nuova gamma verrà presentata ufficialmente in occasione del prossimo Viteff (Hall Bulle, stand B16) per raccogliere commenti e suggerimenti soprattutto sulle dimensioni più desiderate, per passare poi dai prototipi ai componenti finali.

 

Davide Cocco
Elisa Rigon

 

Print Friendly, PDF & Email
By | 2019-10-16T09:57:31+00:00 Ottobre 2019|News|