festività Food

Sgambaro: per le feste quattro ricette originali e social

Sgambaro, in collaborazione con quattro food influencer italiane, propone per le feste quattro primi piatti originali e”social”. 

Il Natale 2021 sarà all’insegna di primi piatti d’eccellenza e originali con la pasta Sgambaro e le ricette che quattro food blogger hanno creato per il pastificio veneto e condiviso sul loro profilo Instagram.

La fantasia di @deliziosavirtu (Tiziana Ricciardi), @ilgolosomangiarsano (Federica Pennacchioni), @semidielena (Elena Mazzetto) e @tavolartegusto (Simona Mirto) si combina con ingredienti di alta qualità 100% italiani per dar vita a piatti facili da preparare ma dal grande effetto: all’altezza di una tavola delle feste e perfetti per essere condivisi sui social.

Dai sapori di mare a quelli di terra, le food influencer hanno scelto per le loro creazioni la pasta Etichetta Gialla di Sgambaro, prodotta con solo grano duro Marco Aurelio, e i formati della linea Etichetta Bio come le Trivelline di grano duro integrale decorticato e le Penne Rigate di farro monococco.

Trivelline integrali con radicchio, noci e pomodorini secchi  – Ricetta di @ilgolosomangiarsano, Federica Pennacchioni

Ricetta-Trivelline-Sgambaro_credits-Federica-Pennacchioni-Il-Goloso-mangiar-sano-.j

 

Gnocchetti sardi alla Campidanese  – Ricetta di @tavolartegusto, Simona Mirto

Ricetta-Penne-Monococco-Sgambaro_credits-Elena-Mazzetto-Semi-di-Elena-

Nel frattempo, cuocete al dente gli gnocchetti sardi. Grattugiate il pecorino, poi prelevate 2 cucchiai di acqua di cottura, aggiungeteli al pecorino e mescolate con una frusta fino a ottenere una crema. Se vedete che non si scioglie bene utilizzate un minipimer.
Scolate gli gnocchetti sardi direttamente in pentola con il sugo, aggiungete la crema di pecorino e mantecate insieme a fuoco vivace lasciando cuocere ancora 2 minuti!
Servite con una spolverata di pecorino, se gradite.

Fusilli con tartare di gamberi, burrata, pesto di pistacchi e scorzetta di arancia
Ricetta di @deliziosavirtu, Tiziana Ricciardi

Procedimento
Preparate dapprima il pesto di pistacchi. Lavate e asciugate bene le foglie di basilico. Mettete nel bicchiere del mixer i pistacchi, il parmigiano grattugiato, l’aglio e le foglie di basilico. Unite l’olio EVO e iniziate a emulsionare con il frullatore a immersione sino a ottenere un composto omogeneo; se occorre unite un altro poco di olio.
Una volta pronto, tenete da parte il pesto di pistacchio in una ciotola.
Preparate ora la tartare. Per prima cosa sciacquate i gamberi sotto acqua corrente, staccate le teste, eliminate il carapace e il filo nero sul dorso aiutandovi con uno stuzzicadenti. Tagliateli al coltello.
Metteteli in una ciotola con un filo di olio EVO, il succo di mezza arancia e aggiustate di sale. Lasciateli marinare per 15 minuti.
Cuocere i Fusilli in abbondante acqua salata e una volta cotti scolateli. Versateli in una padella con il pesto di pistacchi e fate amalgamare, se occorre allungate con un po’ di acqua di cottura della pasta. Incidete la burrata a metà e prelevate la stracciatella contenuta all’interno.
Distribuite nel piatto prima i fusilli, poi la stracciatella, la tartare di gamberi e infine le scorzette di arancia e un po’ di granella di pistacchi. Chiudete con un filo di olio extravergine di oliva e una macinata di pepe.

Penne di farro Monococco alla Puttanesca
Ricetta di @semidielena, Elena Mazzetto

Procedimento
In una padella rosolate la cipolla con un filo di olio, aggiungete i pomodorini tagliati e mescolate. Lasciate andare qualche minuto e aggiungete la passata, le olive tagliate, il basilico, il sale e il peperoncino. Coprite e cuocete a fiamma medio/bassa fino a quando il sugo non sarà ben amalgamato e addensato.
Nel mentre, portate a bollore l’acqua, salate e buttate le Penne. In sei minuti sarà pronta per essere scolata, versata in padella e mescolata prima di servirla con una spolverata di parmigiano (anche vegetale) se gradito.

***

Sgambaro – Molino e Pastificio
Fondato da Tullio Sgambaro nel 1947, Sgambaro è uno storico pastificio veneto che produce pasta di altissima qualità, frutto del sapere trasmesso all’interno della famiglia e delle intuizioni degli attuali membri alla guida dell’azienda. L’obiettivo di Sgambaro è da sempre portare sulla tavola degli italiani una pasta buona, sana e sicura. Una delle poche realtà medio-grandi del settore ad avere un mulino interno, utilizza dal 2001 esclusivamente grano duro prodotto in Italia: una scelta che da un lato assicura il controllo della filiera e, dall’altro, si traduce in un rapporto diretto e stretto con i fornitori. Sempre alla ricerca del grano perfetto, proprio la collaborazione con gli agricoltori ha portato Sgambaro alla selezione del grano duro Marco Aurelio, dopo 15 anni di studi e prove sul campo, e all’introduzione del farro monococco per produrre pasta a livello industriale con uno dei grani più antichi e dalle elevate proprietà nutrizionali.
L’azienda ha sede e produzione a Castello di Godego in provincia di Treviso.

Articoli simili

Noberasco: Che Aperitivo!, frutta secca per l’happy hour!

anna.rubinetto

Con gli spumanti Astoria a Natale si brinda in stile veneziano

redazione1

Croissant à la Crème Noisette Schär senza glutine

redazione1