Food News

Il Progetto Grana PadanoTaglio Sartoriale diventa Worldwide

Grana-PadIl progetto legato ai più importanti cuochi italiani si apre a master chef e nel 2014 agli chef  emergenti di sei Paesi: the New Generation
Il Consorzio Grana Padano, in occasione della nona edizione del congresso enogastronomico Identità Golose, di cui è sponsor sin dalla prima edizione, rinnova il progetto Taglio Sartoriale, dandogli un respiro internazionale.
Accanto ai ventotto chef italiani che da quattro anni si fanno promotori, attraverso le loro ricette, della DOP più esportata al mondo, un totale di nuovi dodici master chef provenienti da Francia, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Russia e Stati Uniti entreranno di diritto nel progetto Grana Padano Tailor Made Worldwide. Tra i primi chef coinvolti nell’iniziativa anche Francesco Mazzei del ristorante L’Anima (UK), Andrea Galli del ristorante I Peperoni (Russia), Yasuhiro Sasajima del ristorante il Ghiottone (Giappone), Lidia Bastianich del Felidia e Mark Ladner del ristorante del Posto (USA).

I dodici chef indicheranno due cuochi emergenti di talento che, a loro giudizio, rappresentano il futuro della cucina nel loro Paese. Durante Identità Golose 2014, i sei chef emergenti che nel corso dell’anno si saranno distinti per l’originalità della loro ricetta che abbia come  protagonista Grana Padano, gareggeranno per il titolo di migliore emergente e, il vincitore, entrerà di diritto nel Taglio Sartoriale Worldwide, vincendo la trasferta all’edizione americano di Identità New York 2014.
La scelta di aprire il progetto anche all’estero è una naturale conseguenza dell’andamento dei mercati negli ultimi anni. Accanto al consolidamento delle vendite in Italia, si affianca, infatti, per il Consorzio, un incremento dell’export pari al 7,53%, in un anno, come il 2012, caratterizzato da una significativa contrazione dei consumi causata dalla crisi internazionale.
Proprio la crisi internazionale deve essere, ed è per il Consorzio, la spinta a raddoppiare gli sforzi per tutelare il vero Made in Italy nel mondo, rafforzando la consapevolezza nel consumatore del valore dei prodotti originali rispetto a certe sofisticazioni che vengono loro proposte. Il successo del settore agroalimentare italiano risiede proprio nella grande qualità dei prodotti certificati, nelle DOP – come il Grana Padano – sottoposte a severi e rigorosi controlli per garantirne l’eccellenza; quella stessa eccellenza che viene riconosciuta e apprezzata dai più importanti chef italiani e internazionali che utilizzano Grana Padano nelle loro ricette.

«Il problema delle frodi alimentari nel mondo è una nota dolente in particolar modo per l’Italia in quanto esportatrice di prodotti di altissima qualità troppo spesso imitati e contraffatti e che rappresentano, a oggi, uno dei pochi settori ancora in grado di resistere alla crisi. Iniziative come quelle portate avanti dal Consorzio, con convinzione e fiducia, sono atte a informare il consumatore internazionale e a offrirgli la possibilità di operare scelte consapevoli, indirizzandolo verso alimenti sicuri e di qualità» – dichiara Nicola Cesare Baldrighi, Presidente del Consorzio Tutela Grana Padano.
Heinz Beck, Carlo Cracco, Chicco e Bobo Cerea, Davide Oldani, Davide Scabin, Lorenzo Cogo – novità 2013, Nicola Portinari e Niko Romito sono gli chef del Taglio Sartoriale che, quest’anno, saranno presenti sul palco di Identità Golose.

 

Articoli simili

PAGO festeggia 125 anni di amore per la natura

redazione1

Penne Rigate con ragù di pollo e peperoni alla curcuma

anna.rubinetto

Valrhona per l’8 marzo lancia Ouranjo, il dessert giallo

Leave a Comment