I luoghi del gusto News

Asiago DOP chiude in positivo il bilancio 2020

Asiago DOP chiude in positivo il bilancio 2020

Il 2020 porta una chiusura decisamente positiva per la specialità veneto-trentina: l’Asiago DOP. 

Il formaggio più conosciuto da tutti, chiude in positivo un anno per certi versi caratterizzato da profondi cambiamenti. Secondo il Consorzio Tutela Formaggio Asiago, la capacità dei soci di realizzare scelte sostenibili seguendo il nuovo disciplinare, ha permesso di aumentare la produzione dell’11%, rispetto al 2019.

Nel 2020, sono state 1.733.824 le forme di Asiago DOP prodotte, di cui 1.427.456 (+6,2%) di Asiago Fresco e 306.368 (+42,1%) di Asiago Stagionato. Alle esigenze di mercato, il prodotto di altissima qualità ha permesso di aumentare il volume di vendita. In tutti i canali della GDO, nei negozi specializzati e negli e-commerce infatti, i consumi sono saliti del +2,2% a volume, e +3,4% a valore (dati GFK).

Le linee guida del nuovo disciplinare: più sostenibilità e rispetto per la biodiversità

Entrato in vigore nell’ottobre del 2020, il nuovo disciplinare porta in campo la sostenibilità e il rispetto per la biodiversità. Ciò ovviamente, rafforza il legame con il territorio, e permette di produrre un prodotto con alti livelli di qualità. I soci hanno ben aderito alle nuove normative, ritornando in alcuni casi, a produrre con metodi tradizionali, nel pieno rispetto della natura.

Grazie a questo, i consumatori sono aumentati, arrivando a contare oltre 200.000 famiglie in più, rispetto al 2019, con un aumento del +2,2%. Nell’anno della pandemia, il 6% delle forme di Asiago DOP hanno superato la frontiera italiana, portando la Svizzera ad essere il primo Paese per esportazione del 2020. Le restrizioni e chiusure sanitarie, e le scelte protezionistiche USA (con l’aumento dei dazi del 25%), hanno reso difficili ed incerti gli scambi commerciali con i mercati esteri tradizionalmente più interessati alla specialità veneto-trentina: USA e Australia

Il risultato positivo del 2020afferma il Presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago, Fiorenzo Rigoni rafforza e fortifica il nostro impegno di crescita che punta sulle qualità distintive e uniche del formaggio Asiago DOP. Una scelta che fa del nostro formaggio un formidabile promotore di sviluppo del territorio e portatore di un messaggio di progresso sostenibile che il consumatore riconosce ed apprezza perché autentico ed espressione della nostra storia.”

Per saperne di più, vi invitiamo a visitare il sito www.asiagocheese.it

Articoli simili

La Val di Non ospita una speciale Pomaria on the road

ugo

Il BonTà 2019: ciclo di serate-degustazioni di cucina italiana tradizionale

anna.rubinetto

Artimino, affermata realtà vitivinicola di Carmignano sfila in passerella a Milano i vini Granduca e Villa

redazione1