Sulla terrazza del Boscolo Hotel Milano approda Sergio Mei

Dal 4 aprile sarà lo chef del roof top del Grand Hotel Boscolo di Milano e porterà i sapori della cucina sarda, espressione del territorio in cui risiedono le sue origini. E proprio sulla terrazza il pesce sarà protagonista

Dall’alto sembra tutto più bello e…da aprile anche più buono. Siete alla ricerca di una location dove sorseggiare un aperitivo con vista sul Duomo illuminato? Il posto giusto dove andare è il tetto dell’hotel Boscolo, cinque stelle anche nella vista, per godersi la città in quota e dove darsi appuntamento anche per un business lunch, o intrattenersi per un dopo cena.
Sapori mediterranei, tipicità della cucina sarda e ricette nel rispetto della tradizione, caratterizzeranno il menu che Sergio Mei proporrà agli ospiti. Si gusterà il mare, nel rispetto della tradizione e della ricerca delle migliori materie prime.

Sergio Mei, classe 1952, nasce in Sardegna a Santadi, in una numerosa famiglia: quattro sorelle e un fratello. Figli concepiti da due persone che si amano. La famiglia cresce con serenità e armonia. Una madre che sa come mandare avanti la famiglia e un padre che sa donare il frutto del suo lavoro. E’ facile, nonostante le umili e parche condizioni familiari, combinare gli ingredienti per un buon pasto, grazie alla conoscenza e alla passione di entrambi i genitori, nel ricercare e trovare prodotti, che spontaneamente offre loro la campagna. Piccoli gesti che sono lezioni di vita per piccoli discepoli; conoscenze che si sedimentano profondamente, alimentano la creatività e che in ogni occasione ricompaiono intatte. Ogni pianta era figlia del divino che bisognava rispettare per la sua potenzialità offerta da madre natura. Ogni cosa poteva diventare un gustoso e profumato cibo. Due genitori che assumevano a loro volta, ruolo di divinità. Padre e madre sorprendenti, che sapevano creare immagini magiche agli occhi ingenui di bambini, che rimanevano stupefatti dalla luce ed il profumo di un semplice fuoco, preparato per cucinare una semplice zuppa. Sergio ha vissuto circondato da una natura incontaminata, avvolto dai profumi di una flora incantevole che cresceva baciata dalla brezza marina. Mare profondo e temuto, ma mezzo indispensabile per andare oltre, senza sapere dove, ma verso un’affascinate incertezza. Un giorno accade e si compì un lungo viaggio verso l’ignoto. L’arrivo in una apparente terra ingrata che avvolge e protegge. Un primo lavoro come garzone in un ristorante. Tecniche lontane e sconosciute, intriganti, da conoscere e possedere. Ecco apparire ingredienti sconosciuti che diventano saporita pietanza. Un’alchimia stupefacente. Osservazioni che prendono forma e la prima sfida: un riso al salto. Un piccolo passo seguito poi, da tanti altri. Piccole conquiste per stimolare un intelligente e appassionato ragazzo che amava sapere e spiccare il volo. Alla passione segue sempre la fortuna e perciò, passo dopo passo, non sono mancate le occasioni per dimostrare di essere cresciuto. Come per i grandi cuochi della storia il futuro sarà costellato da incontri e convitti importanti. Seguono i viaggi nel mondo dove come un perenne fanciullo, continua ad osservare con attenzione cose mai viste prima. Per più di vent’anni è stato Executive Chef del Four Seasons Hotel Milano.
Uno spazio lavorativo di altissimo livello, dove come un antico Scalco ha diretto tutta la gerarchia della cucina, secondo ogni individuale e preciso compito. Senza mai trascurare l’aspetto umano dei suoi collaboratori (Four Seasons).


Una vita lavorativa vissuta con umiltà e costellata di soddisfazioni, successi e riconoscimenti:

Dal 1986 al 1991 é Executive Chef della Compagnia dei Ciga Hotels di proprietà dell’ala Khan e dal
1994 a gennaio 2015 è Executive Chef del ristorante del Four Seasons di Milano.
Nel 1990 riceve il premio “Discepolo d’Escoffier” a Cannes, nel 91° vince il 1° premio “Cuoco d’Oro d’Italia” e nel ‘98 viene votato Chef Italiano dell’Anno dall’Accademia della Cucina Italiana.
Membro di molte giurie gastronomiche tra cui quella al “Marchesi Award” e al “Bocuse d’Or”, Sergio Mei, per più di dieci anni, ha tenuto i corsi presso l’Ecole Lenotre di Parigi oltre ad aver collaborato all’apertura di celebri ristoranti in Italia all’estero.
Autore di numerosi libri (“A Legna e Carbone”, “Nè Carne nè Pesce”, “Pesce Fuor d’acqua: storie e ricette di Sergio Mei”), ha pubblicato di recente per i tipi di Reed Gourmet “La Cucina Italiana all’italiana”.
I nostri migliori auguri al Maestro Sergio Mei per la sua nuova avventura professionale
Boscolo Milano: www.milano.boscolohotels.com

Mariella Belloni

By | 2021-01-07T06:55:58+01:00 Aprile 2016|I luoghi del gusto|