I luoghi del gusto Slide4

AALTO torna a splendere, in questa meravigliosa stagione estiva

Lo scorso novembre il ristorante AALTO ha ottenuto la prestigiosa stella, dopo un solo anno di attività

Un grande riconoscimento, a dimostrazione di come la qualità e il gusto del ristorante siano una vera forma di eccellenza, a partire dal concetto di cucina libera

A guidare il gusto di AALTO troviamo lo chef Takeshi Iwai, vero interprete di un nuovo baluardo della gastronomia, quello della cucina libera.

Cosa significa cucina libera?
Significa non adeguarsi a specifici canoni, portando in tavola la propria originalità e unicità.

La cucina di AALTO può così essere considerata italiana o giapponese, in un mescolarsi di idee e tradizioni. Il risultato è un menù che può appartenere a entrambi i canoni, oppure a nessuno dei due.

Protagonisti gli ingredienti di qualità.

Per Takeshi Iwai è fondamentale che sia la materia prima a eccellere, portando prima in cucina e poi in tavola il meglio degli ingredienti disponibili sul mercato.
Una simile filosofia scava nel profondo, scegliendo fornitori e produttori che ben si sposino con questa linea di pensiero.

Così la creatività del ristorante AALTO raggiunge i massimi livelli in fatto di gastronomia: si può sperimentare in libertà, con la certezza di avere a disposizione ingredienti di elevatissima qualità, pronti a valorizzare i propri piatti.

aalto

Le proposte di AALTO

Con la riapertura arriva il primo vero menù stellato, visto che il conferimento della stella è arrivato pochi mesi fa, a novembre. In questa cucina le parole chiave sono tecnica, equilibrio, qualità, eleganza e sapore. Non solo parole, ma veri e propri concetti da riportare all’interno di ogni singolo piatto. 

Piatti costruiti con estrema creatività, senza sentirsi legati a determinate culture o canoni, ma preferendo realizzare la propria personale visione in fatto di gastronomia.

Attualmente vengono proposti due menù degustazione, rispettivamente da 8 e da 5 portate, con un costo di 140€ e di 115€, oltre al più classico menù alla carta.
Qual è la differenza fondamentale?
La carta si presenta come un menù più classico, ideale per chi non ama troppo sperimentare. Al contrario i menù degustazione sono vera espressione della creatività dello chef.

Da AALTO si potrà gustare una vera cucina libera, priva di schemi, priva di ostacoli, e pronta a esprimersi in totale libertà. Il risultato è eccezionale, al punto da essere stato premiato dalla Guida Michelin con l’ambita stella.
Stella che rappresenta non un traguardo, ma un inizio: AALTO è tra i migliori ristoranti di Milano, ed ha ancora davvero molto da dire in questo ambito.

Articoli simili

Ristorante Lusernarhof una chicca cimbra

Birra Moretti e la Cucina Italiana

redazione1

Il nuovo “Vecio Fritolin” prende forma: Irina Freguia svela il nuovo progetto della storica insegna veneziana