Brut Rosè Mirabella: per la prima volta un Franciacorta nell’Olimpo di Wine Spectator

Brut Rosè Mirabella: per la prima volta un Franciacorta nell'Olimpo di Wine SpectatorIl vino dell’Azienda di Rodengo Saiano è anche l’unica bollicina italiana presente nella Top 100 della prestigiosa rivista americana con 92 punti

 

Il Brut Rosé di Mirabella è il primo Franciacorta della storia ad entrare nella classifica Top 100 stilata dalla rivista americana Wine Spectator. Mai nessun Metodo Classico lombardo era riuscito a salire così in alto in quella che è ritenuta la selezione più influente del mondo del vino, posizionandosi al 68simo posto con 92 punti. Inoltre il Brut Rosé, tra i 21 vini della Penisola presenti, è l’unica bollicina.

Per stilare la classifica i redattori di Wine Spectator hanno esaminato i vini recensiti negli ultimi 12 mesi, selezionando i 100 che si sono distinti per qualità, valore, distribuzione nel mercato statunitense ed emozioni suscitate. Dalla classifica 2019 emerge che i due terzi dei vini scelti arriva dalla Francia, dalla California e dall’Italia.

Il Rosè premiato è una cuvée 45% Chardonnay, 45% Pinot Nero e 10% Pinot Bianco, che l’Azienda di Rodengo Saiano produce fin dagli anni ‘80. Le tre varietà sono raccolte a mano in epoche differenti a seconda della maturazione, per ultimo il Pinot Nero al fine di conferire profumi più complessi ed eleganza nel colore. I tre vitigni vengono poi lavorati separatamente, con 18-24 ore di contatto con le bucce per la varietà rossa che fermenta a 25-28 °C.

Il vino premiato da Wine Spectator è un senza annata con periodo di affinamento in bottiglia di 48 mesi. Il colore è un rosa cipria, che con l’invecchiamento assume riflessi ramati. Il profumo è ricco e ampio con sensazioni tipiche di lievito a cui si sommano frutti di bosco e sfumature vanigliate. Il sapore è armonico e di grande morbidezza.

“Questo riconoscimento ci riempie di orgoglio – sottolinea Alessandro Schiavi, enologo e co-titolare dell’azienda – Con il nostro Rosé la Franciacorta arriva finalmente ad essere rappresentata nella selezione di Wine Spectator, a riprova del grande potenziale che la denominazione riveste in ambito internazionale e in cui noi crediamo fermamente”.

L’azienda Mirabella destina all’estero circa il 30% della produzione, principalmente Germania, Svizzera, Belgio, Olanda, Danimarca, Lettonia, Repubblica Ceca per quel che riguarda l’Europa, Ucraina, Cina, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, USA, Messico e Brasile fuori Continente. Di questo 30%, il Rosè rappresenta all’incirca un terzo dell’esportato, con punte maggiori di vendita in Germania e Stati Uniti.

Anna Sperotto
Giulia Tirapelle

Print Friendly, PDF & Email
By | 2019-11-22T17:06:09+00:00 Novembre 2019|I luoghi del bere|