Sui monti della Valtellina l’eccellenza gastronomica passa dal ristorante Umami

In Valtellina, la località di Bormio, sempre più tra le grandi protagoniste dell’imminente stagione sulla neve coniuga sapientemente terme, storia, sci ed ora anche la cucina d’autore.

Infatti, a poco meno di un mese dall’apertura degli impianti è stato attribuito l’importante riconoscimento della prima stella Michelin; merito di Umami, il ristorante gourmet dell’Hotel Eden che ha consentito al giovane chef partenopeo Antonio Borruso, giunto a Bormio nel dicembre 2013, di attuare una vera e propria rivoluzione culinaria. Perché la sua cucina nasce dall’incontro tra vecchi e nuovi stili, seguendo un percorso di innovazione che non dimentica mai le proprie radici. Tra i piatti proposti ecco il “pizzocchero sferico con insalatina di verza e polenta croccante”,oppure le ricette che richiamano le sue origini mediterranee, dall’esplosione di ragù partenopeo alla zuppa di pastiera napoletana.

Antonio Borruso, 35 anni, decide giovanissimo di ampliare i propri orizzonti gastronomici e professionali e, per circa quindici anni, si fa le ossa in tantissime cucine italiane ed europee. Nel suo curriculum ha seguito grandi chef ed importanti corsi di formazione. Nel 2007 approda al Gimmy’s Restaurant all’Aprica che, sotto la sua direzione, ottiene la prima stella Michelin. A Bormio è arrivato nel dicembre 2013.

Il Ristorante Umami è situato all’interno dell’Hotel Eden, 4 stelle di design in centro a Bormio. Il termine “umami” deriva dal giapponese e indica una delle cinque tipologie di gusto. Cos’, mentre umami richiama quel sapore di glutammato che è particolarmente presente nei formaggi, in alcuni tipi di carne e nei cibi ricchi di proteine, le prime quattro sono rappresentate dalle categorie “dolce”, “salato”, “amaro” e “aspro”.

www.bormio.eu

http://www.edenbormio.it/

By | 2014-11-26T07:03:36+01:00 Novembre 2014|I luoghi del gusto, News|