Combi Mais: unione tra innovazione e rispetto della natura

Combi Mais: unione tra innovazione e rispetto della naturaIl 2020 si afferma anno record per produttività: encomiabile il progetto intrapreso da Combi Mais.

L’innovativo protocollo di coltivazione di Combi Mais ha raggiunto dei risultati soddisfacenti per quanto riguarda la produzione di granella di mais: risultano, infatti, prodotte 18.5 tonnellate di granella a ettaro, prive di tracce di micotossine.

Questo progetto multifunzionale copre tutti gli usi del mais: dall’alimentazione umana e infantile fino a toccare l’ambito zootecnico.


I risultati raggiunti quest’anno sono festeggiati alla luce della grave emergenza sanitaria che ha colpito il mondo dell’agricoltura, e non solo, in ogni suo comparto, con risultati mai raggiunti dal 2015.
Tutto questo, non solo grazie al clima favorevole che ha permesso di risparmiare ben il 50% di risorse idriche ma anche e soprattutto attraverso il contributo dei partner che compongono questo progetto: 8 società leader nei rispettivi settori che hanno messo in campo la loro professionalità e i loro ritrovati migliori.

Tra queste ricordiamo importanti realtà internazionali quali: NETAFIM, leader mondiale nel campo dell’irrigazione; SYGENTA, che ha selezionato una vasta gamma di ibridi per la produzione della granella; UNIMER, leader italiano nella produzione dei fertilizzanti; CIFO, azienda storica nella nutrizione localizzata della semina; DEUTZ-FAHR, per le trattrici green; TOCPCON Agriculture, per la guida della trattrice e la mappatura delle produzioni; ADAMA, società internazionale per la fornitura di agrofarmaci e non ultimo MASCHIO GASPARDO, leader nella produzione di attrezzature agricole.

Combi Mais si pone come punto di riferimento nel panorama della precision farming, dimostrando il suo carattere innovativo rispettoso della natura e della tradizione.
All’avanguardia, infatti, risulta il suo impegno nell’adozione di soluzioni intelligenti per fronteggiare la scarsità di acqua, congiuntamente all’impegno profuso per la nutrizione mirata attraverso l’utilizzo di concimi organo-minerali.

A questo va aggiunto, l’utilizzo di trattamenti fogliari con azione antistress e difensivo contro malerbe, così da apportare energia e massimo nutrimento possibile alle piante.

Il connubio con la DEUTZ-FAHR ha permesso l’utilizzo di trattrici “green” attenti al rispetto della natura e un basso consumo di carburante, così da ridurre al minimo l’impatto ambientale.

La sinergia tra questi varie esperienze è dovuta alla supervisione del Dipartimento di Agronomia dell’Università di Torino, guidato dal professore Amedeo Reyneri, mentre la parte agronomica è stata affidata al dott. Leonardo Bertolani.

Ulteriore novità è la collaborazione con l’Università di Milano, grazie al lavoro del laureando Mauro Tanchella che, con la sua tesi incentrata sull’irrigazione di precisione del mais nella Pianura Padana, contribuisce a far conoscere l’utilizzo efficiente della capacità idrica in questa parte territoriale.
Dall’idea della COMBI MAIS nasce la “Linea Milano Cento Pertiche”, un progetto di prodotti artigianali da forno dolci e salati, dove vengono utilizzate le farine speciali a marchio Combi Mais, ideali anche per celiaci.
Il progetto di questa azienda è di fondere il concetto di rispetto della natura con la biodiversità e la sostenibilità: concetti vincenti per una nuova forma di agricoltura e di stili di vita.

By | 2020-10-20T06:54:55+02:00 Ottobre 2020|News, Slide1|