I luoghi del bere Slide2

Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018, il vino della rinascita

Barolo Serralunga d’Alba Fontanafredda,  a 30 anni dalla sua nascita,  si fa interprete di una profonda rinascita e diventa simbolo di un’umanità più consapevole, ispirata a quei sentimenti che stanno alla base del nostro essere uomini.  

E’ il concept della speranza ad ispirare il nuovo Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018, il primo dei dieci sentimenti che ogni anno, per dieci anni,  caratterizzeranno le nuove edizioni del Barolo di Fontanafredda.

Il vino verrà affiancato dall’arte pittorica e dalle parole di noti artisti italiani, in una sorta di Rinascimento Verde che invita all’introspezione e alla ripartenza.

Sono il pluripremiato scrittore contemporaneo Marco Missiroli, con la monografia dal titolo “12, gli umani potrebbero chiamarla Speranza” , ed Elisa Talentino, giovane illustratrice e pittrice piemontese riconosciuta a livello internazionale, che attraverso la libertà di una Cocorita Blu si fanno interpreti di questo primo sentimento.

Un interessante ed originale progetto che viene lanciato il 21 marzo, data scelta perchè segna l’inizio della primavera e, quindi del risveglio della natura.

A 30 anni dalla sua prima annata, Fontanafredda, produttore di Barolo e dei grandi vini delle Langhe con 120 ettari di vigneti certificati a BIOLOGICO che fanno da cornice al primo Villaggio Narrante d’Italia, va a accrescere, così, l’identità dell’iconico vino.

Una collezione che vuol fare da input per una rinascita collettiva, grazie anche all’importanza del terroir di Serralunga d’Alba e allo stile raffinato di Fontanafredda.

Il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018, è il Barolo della Speranza, vino floreale, balsamico, vibrante e fresco, e ora anche  Biologico, nel rispetto dell’ambiente.

«Abbiamo riflettuto sul fatto che, in generale, la società odierna sta venendo spogliata dai valori metafisici e culturali, favorendo esclusivamente contenuti vuoti, volti a targhettizzare e spegnere la voglia di pensare, mettendoci l’uno contro l’altro» dichiara il giovane produttore di Fontanafredda Andrea Farinetti.
«Da due anni la nostra nuova prospettiva si chiama Rinascimento Verde, dove abbiamo voluto rimettere la Terra al centro delle nostre scelte quotidiane e dei nostri pensieri, ma una rinascita senza una nuova umanità non è auspicabile.
Ci mancavano quindi i sentimenti.
Servono nuovi sentimenti, se vogliamo davvero cambiare il nostro modo di agire. Abbiamo bisogno di mettere un po’ di cultura dietro a ciò che facciamo.
Ed ecco che in questa magica unione trova vita il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance».

Siete curiosi di conoscere a quali sentimenti si ispireranno i vini dei prossimi dieci anni?

Eccoli!

La rinascita inizia dalla SPERANZA, un desiderio che parte da noi stessi e ci porta ad avere FIDUCIA, sentimento che genera CORAGGIO che fa prevalere l’OTTIMISMO.
È proprio grazie all’atteggiamento positivo, quindi,  che con TENACIA e un po’ di FORTUNA impariamo ad essere RICONOSCENTI verso gli altri, ORGOGLIOSI di noi stessi e in ARMONIA con la terra.
Perché arriverà il momento di GODERE della nostra rinascita!

Veicolo di ottimismo e fiducia nel futuro, il Barolo Serralunga d’Alba Renaissance 2018 simboleggia la voglia di non arrendersi e di andare avanti che da sempre fa parte del DNA dell’essere umano.  

Claudia Di Meglio

Articoli simili

1 comment

D’Alessandro Confetture ha presentato la sua nuova immagine in un evento milanese - Sapori News 03/2022 at 09:28

[…] vini biologici e biodinamici di Perlage, infatti sono un vero e proprio punto d’incontro con la filosofia di […]

Comments are closed.