festività Food

Pasta Sgambaro: a San Valentino si sceglie una cena di mare

Pasta Sgambaro, grazie ad una ricerca su un ampio campione di italiani, ha dedotto che il 40% degli italiani per la cena di San Valentino sceglie pasta con pesce e crostacei.

Per la serata più romantica dell’anno, Sgambaro propone  l’originale primo piatto della food blogger Simona Mirto:  linguine agli scampi con pomodorini e peperoncino

Linguine, spaghetti o paccheri, l’importante è che siano accompagnati da pesce e crostacei per rendere ancora più speciale e sorprendente la serata di San Valentino.

Secondo un’indagine realizzata da AstraRicerche e il pastificio veneto Sgambaro, per il 40% degli italiani il primo ideale per la più romantica delle cene deve essere di mare.

Un condimento per alcuni forse troppo elaborato e che quindi, nel 20% dei casi, lascia spazio al ragù rosso e all’amatriciana.

Per quanto riguarda invece la scelta del formato, dominano le paste lunghe: insieme, spaghetti e linguine conquistano il 49% delle preferenze, seguiti da paccheri e penne che raggiungono il 25%.

Che primo portare in tavola per la cena del 14 febbraio?

La food blogger Simona Mirto ha rivisitato per Sgambaro un classico della cucina italiana in chiave romantica: “linguine agli scampi con pomodorini e peperoncino”.
Una ricetta di mare che combina la bontà delle Linguine Sgambaro Etichetta Gialla, dalla texture ruvida e corposa e prodotte con solo grano 100% italiano, con il sapore delicato degli scambi e il tocco “piccante” del peperoncino.

Linguine agli scampi con pomodorini e peperoncino-Ricetta di @tavolartegusto, Simona Mirto

Ingredienti per quattro persone

  • 320 gr di linguine Sgambaro etichetta gialla
  • 1 Kg di scampi 
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 2 spicchi d’aglio
  • 10 pomodorini 
  • 1 peperoncino
  • prezzemolo 
  • sale

Procedimento

 1) Per sbucciare gli scampi eliminate il carapace, tagliando, lasciando intatte solo le code. Conservate i carapaci in una pentola.
In pentola mettete i carapaci con 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva, 1 spicchio d’aglio, un mazzetto di prezzemolo intero e fate rosolare 1 minuto, poi sfumate con 1/2 bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare completamente. Aggiungete 2 bicchieri d’acqua e lasciate cuocere per 40 minuti a fuoco basso. Infine, filtrate con un colino il fumetto così ottenuto e mettetelo da parte.

2) Tagliate i pomodorini a metà e soffriggeteli per 2 minuti con 1 spicchio d’aglio sbucciato, 2 cucchiai di olio, 1 peperoncino piccolo e prezzemolo tritato, aggiungete tutti gli scampi e lasciate cuocere per 3 minuti con coperchio.

3) Scolate dalla padella i pomodorini e metteteli da parte, scolate anche gli scampi in modo che resti solo il fondo di cottura. Frullate con un minipimer 10 scampi, in modo da ottenere una crema.

4) Cuocete le linguine per 3 minuti circa. 

5) Mettete le linguine direttamente in padella con il fondo di cottura insieme a 2 mestoli di fumetto bollente e lasciate risottare su fuoco medio aggiungendo acqua di cottura al bisogno fino a quando la pasta non è al dente.

6) Pochi minuti prima di completare la cottura, aggiungete la crema di scampi frullati, un filo d’olio, prezzemolo tritato, infine aggiungete pomodorini e scampi interi, mantecate 1 minuto e impiattate. 

Sgambaro Etichetta Gialla: pasta 100% italiana fatta con grano di alta qualità

Le linguine utilizzate in questa ricetta fanno parte della linea Sgambaro Etichetta Gialla, prodotta con solo grano duro italiano Marco Aurelio.
Questa varietà è stata selezionata da Sgambaro come il “chicco perfetto” e si contraddistingue per il colore giallo ambrato, l’elevata elasticità del glutine e, ovviamente, la bontà.
Il pastificio si rifornisce direttamente dagli agricoltori italiani, immagazzinando il grano nei propri silos in Puglia e Veneto subito dopo la raccolta.
Filiera corta e metodi di conservazione che evitano l’uso di pesticidi garantiscono un prodotto finito sicuro e privo di glifosato.
Allo stesso tempo, il processo di macinatura che non surriscalda i chicchi, la trafilatura a bronzo dell’impasto e la lunga essiccazione a bassa temperatura contribuiscono a conservare le proprietà organolettiche e sensoriali della materia prima nella pasta che arriva sulle tavole dei consumatori.

NOTA

L’indagine Sgambaro/AstraRicerche è stata condotta nel giugno 2021 tramite 1023 interviste online da per conto del pastifico Sgambaro su un campione rappresentativo della popolazione italiana di età compresa tra i 25 e i 65 anni.

***

Articoli simili