Eventi

Al Vanity Fair Stories il latte cambia look

 

Al Vanity Fair Stories il latte cambia lookThink milk, taste Europe, be smart! Il progetto presentato in anteprima al Vanity Fair Stories, dove il latte svela la sua nuova identità

Un progetto innovativo presentato in anteprima al Vanity Fair Stories, dove alcune cooperative hanno svelato un’insolita identità dei prodotti lattiero caseari.
Think milk, taste Europe, be smart!” è il nome del progetto in questione, che cambia il look al latte, spiazza il consumatore e si definisce in base allo stile di vita contemporaneo.

Think milk, taste Europe, be smart, il progetto presentato al Vanity Fair Stories

Un nuovo modo di vedere, gustare e concepire il latte, attraverso un progetto innovativo presentato al Vanity Fair Stories, il festival di Vanity Fair.

Le cooperative presenti hanno mostrato e svelato la nuova identità dei prodotti lattiero caseari, giocando su forme, colori e oggetti. Lo scopo? Spiazzare il consumatore, attribuire un’immagine social e  che sia in linea con gli stili di vita contemporanei.

La denominazione del progetto è: “Think milk, taste Europe, be smart!”, un talk durante il quale si racconta il lato più inaspettato e smart dei prodotti derivati dal latte. 

L’obiettivo della campagna

In occasione dell’evento Paolo Castiglioni, uno dei più accreditati food photographer in Italia e autore degli scatti, ha svelato l’obiettivo della campagna. Un progetto che ha permesso di uscire fuori dalla comfort zone con lo scopo di esplorare un mondo nuovo basato su forme, colori e una miriade di complementi di scena che rimandano al quotidiano e immaginario.

Un gioco che ha origine da un concetto molto ampio, ovvero sull’idea del voler andare oltre, evidenziando il significato celato dietro questi prodotti.

La stessa lettura delle foto mette in risalto letture differenti tra elementi naturali, antropologici, artistici ed elementi di uso quotidiano.

La campagna dell’omonimo progetto triennale “Think milk, taste Europe, be smart!” promosso dalla filiera lattiero casearia dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, realizzato da Confcooperative e cofinanziato dalla Commissione europea.

Giovanni Guarnieri parla del progetto

Sul progetto si è soffermato anche Giovanni Guarnieri, Coordinatore settore lattiero-casearia, che evidenzia il fine della rassegna stessa. Da qui si evince anche la volontà di voler comunicare in modo diverso i prodotti in questione, grazie anche al supporto delle diapositive e delle shooting che rilancia l’immagine del settore.
Il fine è quello di dare valore al prodotto Europeo, rivolgendosi in maniera diretta ai target di riferimento. Un’immagine che sia vicina ai vari stili di vita, divulgata attraverso i social.
Infine, gli scatti verranno integralmente pubblicati nel portale di progetto, www.thinkmilkbesmart.eu e sui canali social.

Articoli simili

A Melbourne il cibo più cool (e ottimo) viaggia su quattro ruote: provare per credere!

redazione1

Savona sarà scenario di un percorso enogastronomico dalle Alpi al mare

claudia.dimeglio

Festa del Bacalà 2020: Sandrigo non rinuncia alla tradizione puntando sulla sicurezza