I luoghi del bere

Seedlip, cocktail green e no-alcol

 

La rivoluzione del fine drinking è rappresentata da un cocktail green, ovvero dal primo distillato no-alcol chiamato Seedlip

La natura al primo posto, cambiando le regole del bere attraverso gli spirits distillati no-alcol. Questo è il concept principale sul quale si basa Seedlip, il primo distillato no-alcol.

Seedlip, bere senza bere

Bere senza bere è ora possibile grazie a Seedlip. Quello che sembra apparentemente un controsenso, ma anche un’esigenza sempre più attuale cresciuta tra i consumatori. Infatti, negli ultimi anni è aumentata la voglia di voler degustare un buon cocktail in compagnia senza eccedere in alcol e calorie.

Un sogno che, ora, è divenuto realtà grazie all’antica arte della distillazione: attraverso la semplicità delle erbe e delle botaniche naturali è nato Seedlip, il primo distillato no-alcol. Il fautore di questa importantissima novità è Ben Branson.
Ma in che modo è riuscito a creare questo cocktail?  Per rispondere a questa domanda è necessario fare un passo indietro di 300 anni.

In The Art of Distillation, un manoscritto contenente tecniche di distillazione a base di erbe per spirits sia alcolici che non, viene illustrata e descritta un’antica tradizione agricola secolare.Ed è con un semplice alambicco in rame che Branson inizia il suo lavoro e la selezione degli ingredienti per ottenere un distillato no-alcol, in grado di far assaporare il gusto della natura.
In pratica, letteralmente tutto questo viene definito “from Seed to Lip” (dal seme della terra alle labbra del consumatore), incastonando questo concetto nel nome stesso del brand.

L’arrivo in Italia

Seedlip è pronto a conquistare l’Italia con i suoi cocktail green, divenendo promotore del bere bene insieme ai Seedlip Gardeners. Il trend no-alcol che si è affermato in oltre 300 ristoranti Michelin e 30 tra i migliori locali del mondo dei 50 best bars, giunge nel nostro Paese diventando fonte di ispirazione per i consumatori italiani che potranno conoscere le sue innumerevoli combinazioni.

Ma le novità di questo prodotto non finiscono qui. Infatti, persegue un’opera di sensibilizzazione all’approccio green agendo come membro del programma 1% For The Planet.
Nello specifico, una percentuale del suo ricavo viene devoluto nei confronti di alcune iniziative di protezione verso il pianeta per preservarne la salute, la bellezza e i sapori che ritroviamo anche nel brand “from Seed to Lip”.

Vi ricordiamo che Seedlip è disponibile sul mercato italiano al prezzo consigliato di 29,90 euro.

Infine, vi riveliamo che tra le referenze (ognuna con la propria produzione) vi sono: Spice 94 (aromatico, a base di cardamomo, scorza di limone e pompelmo); Garde 108 (menta gentile, timo, rosmarino, fieno, luppolo e piselli) e, l’ultimo, Grove 42 (un’esplosione di gusto e aromi distillato dai migliori agrumi: arancia, citronella, limone, mandarino e zenzero).

Articoli simili