Eventi News

Il 57° premio Basilica Palladiana alla memoria di Paolo Rossi

Martedì 28 settembre la consegna del premio Basilica Palladiana.
Per la prima volta verrà premiata anche una giovane emergente

Il Premio Basilica Palladiana giunge alla cinquantasettesima edizione e omaggia il noto calciatore Paolo Rossi, toscano di nascita ma adottato a Vicenza fin dagli anni d’oro del calcio vicentino.

Promosso dalla Pro Loco Sandrigo per onorare persone, enti e istituzioni venete della cultura e dello spettacolo, il premio verrà quest’anno consegnato martedì 28 settembre al calciatore recentemente scomparso, in via del tutto eccezionale proprio nella Basilica Palladiana di Vicenza.
A ritirarlo la moglie e giornalista Federica Cappelletti, i figli e gli amici di sempre.
“Un riconoscimento – si legge nella motivazione – a un Ambasciatore della vicentinità, simbolo di semplicità. Quando ebbe il mondo ai suoi piedi, cercò di non calpestarlo.”

“Siamo orgogliosi – spiega Antonio Chemello, Presidente della Pro Sandrigo – di consegnare il Premio Basilica Palladiana a uno dei maggiori protagonisti del mondo calcistico vicentino, un uomo straordinario che ha portato alto il nome della Città di Vicenza del quale si è fatto portabandiera anche dopo la carriera calcistica.
Siamo felici che l’Amministrazione Comunale di Vicenza e il Sindaco Francesco Rucco abbiano accolto la proposta di consegnare il Premio a Vicenza, proprio nella Basilica Palladiana a seguito anche della cittadinanza onoraria conferita a Paolo Rossi”.

Novità di quest’anno, inoltre, l’istituzione della sezione dedicata ai giovani emergenti del Premio Basilica Palladiana.
Un’idea nata dal comitato organizzatore guidato dalla Pro Sandrigo con l’intervento del Direttore del Giornale di Vicenza Luca Ancetti e del giornalista Antonio Di Lorenzo. “I giovani sono il futuro del nostro Paese, vanno incoraggiati e questo Premio – aggiunge Antonio Chemello – ci auguriamo possa essere uno stimolo ulteriore per la loro carriera”.
Per la sezione giovani 2021 è stata premiata la poliedrica artista vicentina Alice Walczer Baldinazzo, 33 anni: musicista, archeologa, illustratrice “che con il suo talento ci consente di vedere il mondo con colori diversi”.
La serata, solo su invito, vedrà Federica Cappelletti e Alice Walczer Baldinazzo protagoniste di un faccia a faccia con i giornalisti Luca Ancetti ed Antonio di Lorenzo.
Verranno poi proiettati dei filmati in ricordo di Paolo Rossi realizzati grazie alla collaborazione con il Giornale di Vicenza e Tva Vicenza.
Una litografia realizzata dalla stessa Alice Walczer Baldinazzo e stampata dalla Stamperia d’Arte Busato di Vicenza verrà consegnata in omaggio a tutti i partecipanti.

Articoli simili

Scampato il pericolo della fine del mondo…brindiamo ai Maya…col cioccolato!

redazione1

Grande attesa per l’assegnazione del premio Birraio dell’Anno 2014

claudia.dimeglio

Giuseppe Pagano, l’imprenditore che scoprì Paestum !

Harry