I luoghi del bere News

Neri Etna Rosso Doc 2018 medaglia d’argento a Radici del Sud

Il vino Neri Etna Rosso Doc 2018, della Tenuta Agricola Neri di Linguaglossa (CT), è medaglia d’argento al concorso enologico Radici del Sud

I profumi e i sapori intensi dei vini del Sud Italia racchiusi in raffinate bottiglie e versati in eleganti calici: è il concorso enologico Radici del Sud che si è svolto nei giorni scorsi al Castello Sannicandro di Bari, in forma compatibile con le restrizioni anti Covid e la cui cerimonia di premiazione si è svolta in diretta streaming.

Tra i moltissimi vini in gara ha ottenuto un piazzamento di gran rilievo il Neri Etna Rosso Doc 2018, classificatosi al secondo posto del Gruppo Misto Vini Rossi.

La graduatoria è stata stabilita da due giurie, formate da giornalisti e addetti ai lavori italiani o da stranieri che vivono nel nostro Paese, che hanno degustato più di 300 vini che erano stati inviati da oltre 125 aziende provenienti da Sardegna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia.

In tutto sono state premiate 60 bottiglie, con un primo, secondo e terzo classificato per ogni batteria di vino e in aggiunta i migliori tre vini biologici del Sud.

“La considerazione principale risultata da questi due giorni di confronto è la splendida forma in cui i giudici hanno trovato i vini degustati, considerando che erano stati inviati ancora nel 2020 per l’edizione che doveva svolgersi a giugno dello scorso annoha dichiarato Nicola Campanile, organizzatore della manifestazione. “L’ottima conservazione e un tempo di affinamento più lungo hanno fatto emergere un’evoluzione inaspettata – ha proseguito – a dimostrazione del fatto che sia i bianchi che i rosati del Sud hanno grandi potenzialità per un mercato sempre più pronto al consumo di vini invecchiati”. 

Qui tutte le bottiglie premiate. 

Il Neri Etna Rosso Doc è un “vino del vulcano”, prodotto con amore alla Tenuta Agricola Neri e ottenuto da uve Nerello mascalese di una vecchia vigna ad alberello. Un prodotto per così dire storico, che nasce in un territorio complesso e unico come quello del versante nord-est, dove l’acidità discreta e la struttura delicata concorrono a dare vini di grande equilibrio e rara piacevolezza.  

L’atmosfera unica della Tenuta, che offre l’esperienza di una winery autentica a Casa Arrigo, la rende una meta perfetta per un soggiorno enogastronomico.

Vengono organizzate visite guidate che consentono di immergersi nel processo produttivo.

I percorsi di  wine tasting iniziano con una passeggiata tra i vigneti e uliveti dominati da una splendida vista dell’Etna.

In seguito si entra nell’antico palmento, con annessa bottaia, dove la proiezione di un cortometraggio apre una finestra sull’evoluzione della tenuta nel tempo.

Per informazioni  www.nerietna.com/casa-arrigo-country-house/

Articoli simili

Ricetta polpettine con Formaggio Edelpilz Bergader

5 marzo: riprende la scuola di cucina al Parker’s

Redazione 111

Tattoo wine: piattaforma e-commerce del vino per il mercato cinese

claudia.dimeglio