La Comunità Sant’Egidio e la Sorì Italia unite per la solidarietà natalizia

Sorì Italia  e la Comunità di Sant’Egidio insieme in un gesto di vicinanza e di solidarietà, per fornire un incoraggiamento e restituire la speranza in questo momento difficile.

Secondo alcuni economisti l’adattamento ai cambiamenti e la resistenza a shock improvvisi sono caratteristiche che rendono il paradigma della circolarità una valida proposta per far ripartire l’economia post-pandemia.

La visione per l’economia-post-pandemia deve rifare i conti che erano stati fatti in precedenza perché i redditi, solo se immessi in circolo, fanno la crescita, ma poiché i soli in tasca agli italiani saranno sempre meno tali previsioni sono da rivedere.

La famiglia Sorrentino, leader nella produzione casearia dal 1868, immagina l’economia post pandemia che produca anche a favore degli altri e di chi ha bisogno.

In questo quadro l’azienda Sorì, in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio, anticipa il Natale e donando 250 cestini dei loro prodotti ai più bisognosi per un momento di gusto ai senza fissa dimora della città di Napoli.

Gaetano Sorrentino, socio fondatore della Sorì Italia Srl ha dichiarato: «Quando le famiglie si ritrovano e si riuniscono per addobbare il presepe, l’albero, la casa, per le feste natalizie, il nostro desiderio, in quest’anno così difficile per tutti, è stare accanto a coloro che non hanno questa possibilità e grazie alla Comunità di Sant’Egidio di Napoli abbiamo potuto concretizzarlo donando i nostri prodotti e cercando in un certo senso di anticipare il Natale».

Questa la motivazione alla base della donazione, che ha visto la collaborazione dell’azienda con la Comunità di Sant’Egidio, da sempre vicina a coloro che necessitano di aiuto.
Mozzarella di Bufala Campana DOP, proveniente dal cuore del Parco Naturale di Roccamonfina, prodotta nello stabilimento tra i più grandi e tecnologicamente avanzati di tutto il Sud Italia, distribuita dai volontari della Comunità di Sant’Egidio, ai senza fissa dimora, che popolano i vicoli del centro storico di Napoli, e che hanno così potuto godersi un momento di gusto con un prodotto eccellente in un giorno di festa.

Antonio Mattone, portavoce della Comunità di Sant’Egidio, nel ringraziare la famiglia Sorrentino, ha commentato: «Un gesto di vicinanza e di solidarietà a chi sta vivendo giorni difficili, per non lasciare da solo chi vive per strada, e le tante famiglie in difficoltà che hanno chiesto aiuto, e a cui la Comunità, continua a fornire un sostegno, per incoraggiare e restituire speranza».

Harry di Prisco

By | 2020-12-09T17:25:43+01:00 Dicembre 2020|Food, News|