Francesco Luni vince a Roma il “The best panettone of the world 2020”

Il giovane pasticciere Francesco Luni  padovano si aggiudica l’oro assoluto nella competizione mondiale organizzata dalla Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria e Cioccolateria

 

“La missione di un Pasticcere è da sempre quella di aiutare a festeggiare e a portare allegria e spensieratezza”

Certo ne è trascorso del tempo da quando Toni, giovane aiutante nelle cucine di Ludovico il Moro, con la sua intraprendenza propose per la tavola natalizia del ricco Signore di Milano la sua creazione composta da farina, uova, latte, uva passa e canditi. Tutti gradirono il dolce, Ludovico il Moro chiese chi era stato colui che aveva preparato tale delizia e Toni si fece avanti.
Allora Ludovico chiese il nome del dolce e decise che avrebbe preso il nome dal suo inventore “Pan del Toni” diventato poi l’attuale panettone. Queste le origini del famoso dolce natalizio, da allora tante le varianti ma la ricetta classica è quella che tutti preferiscono.

Francesco Luni ha vinto proprio con la ricetta tradizionale l’oro assoluto nella competizione mondiale dalla Federazione Internazionale Pasticceria Gelateria e Cioccolateria FIPGC “The best panettone of the world 2020” svoltasi a Roma nei giorni scorsi.
“Francesco, facci sognare!”: l’annuncio e la conferma che il Campionato Internazionale della Federazione Internazionale FIPGC “The best Panettone of the world 2020” si sarebbe regolarmente svolto e che Francesco Luni avrebbe partecipato è stato dato così, sulla pagina facebook della Pasticceria Estense di Padova, con tanto di foto di Francesco in stazione con il suo Panettone in mano.

Erano oltre 300 i professionisti in gara, con delegazioni che arrivavano, fra gli altri Paesi, da Cina, Giappone, America, Spagna.
La giuria del concorso, formata dai Campioni del Mondo di pasticceria Roberto Lestani (Presidente di giuria), Matteo Cutolo, Paolo Molinari, Enrico Casarano e dai Maestri Pasticcieri Pluripremiati Claudia Mosca, Maurizio Santilli e Gianni Pina, ha giudicato il profumo, il taglio, la cottura, il gusto, la sofficità e l’alveolatura, ma anche la qualità delle materie prime scelte, la lievitazione, la presentazione e, non ultima, la capacità del Pasticcere di comunicare il suo prodotto.

“Sabato sera, il messaggio che non dimenticherò mai (e non cancellerò mai) che mi comunicava che ero in finale: di 300 concorrenti solo 100 potevano accedere alla finale. Mi sembrava di aver già vinto! Poi domenica, nella Piazza di Cinecittà World, davanti ad uno schermo gigante, hanno cominciato a chiamare sul palco i premiati. Ad un certo punto hanno annunciato che avrebbero premiato con medaglia d’oro più concorrenti, ma che solo uno o due fra questi avrebbe vinto l’oro assoluto. E sono stato chiamato”

Così Francesco Luni, 37 anni, Laurea Magistrale in Tecnologia Alimentare, titolare insieme alla sorella Federica della storica Pasticceria Estense di Padova, da ieri ufficialmente insignito della nomina di Maestro, ha ottenuto il massimo riconoscimento con il suo Panettone Tradizionale ed essendoci stati dei pari meriti, gli è stato conferito insieme a Ruggero Carli, l’ORO ASSOLUTO al Campionato del Mondo FIPGC “The Best Panettone of the World 2020”, con tanto di Coppa d’Oro che si è aggiunta alla Medaglia d’Oro già assegnata.

“Abbiamo portato Padova sul tetto del Mondo della Pasticceria Internazionale con il nostro Panettone Classico fatto come una volta, seguendo la ricetta tramandata da ben tre generazioni della mia famiglia.”, conclude orgoglioso Luni junior, “ho dato il massimo, circondato e protetto dalla mia famiglia, da amici che fanno parte della famiglia, da fornitori storici che fanno parte della famiglia e da clienti che fanno parte della nostra grande famiglia!”
“Sono felice, orgoglioso, ancora emozionatissimo. Faccio ancora fatica a rendermene conto. E’ un grande risultato per me, per la mia famiglia e per la mia città: io spero che questa mia vittoria porti almeno un po’ di ottimismo e gioia in questo periodo di incertezza e paura del futuro. La missione di un Pasticcere è da sempre quella di aiutare a festeggiare, a portare allegria, spensieratezza e “conforto”. Non dimentichiamoci il rito delle paste della domenica, delle torte che accompagnano da sempre i momenti più significativi della nostra vita. La Pasticceria dovrebbe essere considerata un’attività da non sottovalutare per la grande capacità di confortare in ogni momento, anche in questo periodo.”
Da oggi il Miglior Panettone del Mondo si trova a Padova, nella Pasticceria della mia famiglia. Questo Oro Mondiale lo dedico a mio papà, che già l’anno scorso, quando vinsi l’Argento, mi disse ‘ma te rendito conto de cossa che te ghè fatto? E adesso?’ Eh, caro papà, adesso siamo sul tetto del mondo!”

Francesco è la terza generazione, avendo appreso l’arte dal nonno e dal padre nella storica pasticceria di famiglia di Padova, fondata nel 1959. Il nostro campione ama la sperimentazione mettendo nelle ricette tradizionali un pizzico di tecnologia come ha appreso a seguito degli studi per il conseguimento della Laurea Magistrale nella triennale di Scienze e Tecnologie dell’Alimentazione.

Harry di Prisco

By | 2020-11-28T22:16:51+01:00 Novembre 2020|Food, News|