Al Parco della Filandetta nuova vite d’artista

Al Parco della Filandetta nuova vite d'artistaIl Parco della Filandetta si conferma protagonista del panorama culturale delle colline del Prosecco Superiore

Il Parco della Filandetta ospita la collezione di land art. La collezione si arricchisce con l’esposizione delle opere di Giovanni Casellato, originario di Maser (TV) e di Susken Rosenthal. La Rosenthal è la land artist tedesca selezionata tra oltre 300 artiste internazionali nell’ambito del concorso Female Land Artists Wanted, organizzato da Bortolomiol in collaborazione con Current Corporate.

Infatti, il Parco della Filandetta diventerà un luogo dove il vino ospita forme d’arte, dalla scultura alla musica, dall’architettura al design. Così ha dichiarato la vice presidente Elvira Bortolomiol. La storica casa dello spumante ha festeggiato i 70 anni dalla fondazione.

L’opera di Giovanni Casellato si chiama Tavolo e rende omaggio alla vite. Per realizzare l’opera, l’artista ha usato il corten. Si tratta di un materiale che si usa per coltivare l’uva. Infatti, è molto resistente e versatile. In più, ha delle sfumature di colore che ricordano la vite. Così, chi visita l’esposizione al Parco della Filandetta nota come l’opera si fonde con l’ambiente che lo ospita, diventando tutt’uno con la natura circostante.

Il parco e la Residenza d’Artista

La famiglia Bortolomiol ha voluto l’opera per completare la degustazione e il tour guidato tra le opere d’arte presenti nel parco, in uno spazio condiviso. Così, l’artista ha scelto la foglia di vite come elemento madre, mentre attorno al tavolo cibo e bevande si abbracciano idealmente e diventano parte integrante del tavolo. Così, si esprime in arte l’invito alla convivialità, magari accompagnandosi con un calice di Prosecco Superiore.

Il calice di Prosecco può diventare anche un momento di raccoglimento personale, nel territorio delle colline di Valdobbiadene. Il Parco della Filandetta non è l’unico della zona a ospitare opere d’arte. Infatti, la famiglia Bortolomiol ha realizzato anche la Residenza d’Artista. Si tratta di una dimora a disposizione di artisti italiani e stranieri.

Così, la loro ispirazione basata sulla natura e sulla vite diventano testimonianza. Il Parco della Filandetta diventa così un contenitore culturale, ideale per eventi come land art, concerti, degustazioni, presentazioni di libri e conferenze. Un luogo incantato e una casa d’eccezione sono i regali che la famiglia ha fatto nel cuore delle colline patrimonio dell’Unesco.

Parco della Filandetta: dove si trova?

Il Parco della Filandetta si trova nel cuore di Valdobbiadene, a pochi metri dalla cantina storica di Bortolomiol. Infatti, il parco nasce da una ristrutturazione della più piccola delle quattro filande di Valdobbiadene, ad opera dell’architetto Wally Tomé. L’opera vinse il Premio Prometeo per aver integrato con successo un simbolo dell’industrializzazione con un processo antico come il fare il vino.

Il Parco della Filandetta rispecchia fedelmente l’attenzione alla sostenibilità e alla valorizzazione del territorio, tematiche centrali nella filosofia aziendale di Bortolomiol, e si sta configurando sempre più come una vera e propria agorà del vino di alta qualità.

#parcodellafilandetta #bortolomiol

 

By | 2020-10-19T18:45:34+02:00 Ottobre 2020|I luoghi del bere|