Il Cus Cus siciliano a Roma trova nuovi spazi

 

Il cous cous siciliano a Roma trova nuovi spaziIl cus cus (آلكسكس) è notoriamente un piatto di origini nordafricane, ma per gustarlo a Roma non occorre andare necessariamente in un ristorante maghrebino: grazie alla lunga dominazione araba questo cibo è ormai parte della cucina siciliana, e un ottimo esempio è costituito dal ristorante omonimo ideato dalla chef isolana Simona Iacono.

Il locale, ubicato in zona Piazza Bologna, è  un angolo di Sicilia a Roma e ha recentemente inaugurato il dehors: uno spazio esterno dove degustare il cus cus artigianale condito con le specialità di stagione tra cui il pesce e godere, durante le giornate estive, della tipica brioche siciliana da accompagnare a rinfrescanti granite.

Il dehors – “u’ curtigghiu” come dicono i siciliani – offre dieci posti a sedere antistanti il locale che si aggiungono alle dodici sedute interne. I tavoli colorati sono pronti ad accogliere tutti gli affezionati di Cus Cus ma anche coloro che desiderano degustare all’aperto il vero cus cus e fare un viaggio di gusto nella splendida Sicilia.

Il celebre e apprezzato piatto della cultura araba viene proposto con maestria e passione da Simona che, a cinque anni dall’apertura e durante il periodo di lockdown, non ha mai smesso di pensare a nuove proposte e soluzioni per tutti gli appassionati di sapori siciliani.

LE PROPOSTE IN MENU, IL DELIVERY E IL TAKE AWAY
Fin da piccola Simona ‘ncocciava il cus cus secondo tradizione, grazie agli insegnamenti del padre Carmelo e della mamma Pina alla guida della trattoria “Da Carmelo” sul lungomare di Ragusa. Ancora oggi, Simona ripete quei gesti: prima mette la semola di cus cus nella mafaradda, una zuppiera di terracotta dai bordi alti e svasati, e poi inizia a lavorarla per formare dei piccoli grani: “Con il passare degli anni ho capito ancora meglio cosa migliorare, la semola di cus cus che sto usando è diversa da quella che utilizzavo all’inizio, ora la prendo da Molino Oddo di Valderice, uno dei molini più conosciuti in quelle zone, dove compro anche la semola di grano duro Tumminia che adopero per il pane” spiega Simona Iacono.

Una volta ultimato, il cus cus viene condito con sughi fatti in casa ispirati alla cucina siciliana ed etnica con qualche divagazione romana. Imperdibili tra i cus cus vegetariani il Cuscaponata, la Norma, il Freddo con Crema di basilico e pomodorini caramellati e quelli con la carne come lo Zighinì di manzo, il pollo con i funghi e il Coniglio alla Pattuisa, realizzato in agrodolce secondo un’antica ricetta ragusana. A base di pesce, il sugo Catalana di Gamberi, il Ragù di Polpo, il Nero di Seppie, lo Spezzatino di Ricciola e patate. Il menu varia quotidianamente a seconda della disponibilità del mercato, dei prodotti di stagione e dell’estro di Simona, sempre pronta a sperimentare.

Da non perdere i succulenti antipasti, grandi classici come la Caponata, il Tortino di melanzane e l’Insalata di arance e finocchi con pesce spada alla palermitana. Il tutto da abbinare a un’attenta selezione di vini isolani e birre artigianali.

Tutte le proposte food possono essere ordinate nella versione take away e delivery (tranne lo Special of the Day, il piatto del giorno non disponibile per la consegna a domicilio) chiamando il numero 06 97 99 75 19.

CON L’ESTATE ARRIVA IL CUS CUS DI PESCEIl cous cous siciliano a Roma trova nuovi spazi

Protagonista assoluto del nuovo menu è il “Cus Cus come da Carmelo” che per definizione, in Sicilia, è di pesce anche se ormai si prepara in tutte le varianti. “Un bel giorno mio padre ha proposto al ristorante il cus cus di pesce. Il nuovo piatto ha avuto subito un grandissimo successo e così ho deciso di  riproporre nel mio locale la stessa ricetta che realizza mio padre e a cui sono molto legata” racconta Simona.

“Cus Cus come da Carmelo” è un trionfo di mare sia per la quantità che per la qualità del piatto: 350 gr di cus cus a cui si aggiungono cozze, vongole, calamari e tanto altro pesce a seconda del pescato disponibile e che viene completato con il sughetto, rigorosamente servito a parte. Un piatto per due persone, ideale da condividere nel dehor. Il prezzo del “Cus Cus come da Carmelo” varia da 30 a 40 euro in base al pesce disponibile e può essere richiesto su prenotazione 24 ore prima a partire da un ordine minimo di due piatti.

DOLCI NOVITÀ
Con l’inizio della bella stagione Simona ha deciso di proporre anche il tipico brunch della sua terra, molto richiesto dagli habitué di Cus Cus: la Brioche siciliana anche detta Brioche col tuppo da accompagnare a una buona granita. Ideale da gustare in qualsiasi momento durante le calde giornate romane, la Brioche di Cus Cus si può abbinare alla Granita siciliana di mandorle, alla Granita siciliana di limone biologici e all’intramontabile gusto Caffè con panna. Una pausa golosa in puro stile siciliano.Il cous cous siciliano a Roma trova nuovi spazi

 

ORARIO

Aperto dal lunedì al sabato dalle 12.00 alle 15.30 e dalle 19.00 alle 22.30. Chiuso la domenica

Contatti e prenotazioni:
Cus Cus
Via Arezzo, 39
00161 Roma
email: cuscusroma@gmail.com

Ugo Dell’Arciprete

By | 2020-06-29T07:58:10+00:00 Giugno 2020|I luoghi del gusto|