Il mondo del bere News

Castiglion del Bosco e la sua Pasqua solidale

Castiglion del Bosco e la sua Pasqua solidale

Castiglion del Bosco, una delle più grandi e storiche tenute di Montalcino acquistata da Massimo e Chiara Ferragamo nel 2003, suggerisce di brindare a Pasqua con un Brunello di Montalcino DOCG 2015, un vino importante per un pranzo pasquale all’insegna della solidarietà.

Unito nella lotta al COVID-19, Castiglion del Bosco devolverà parte del ricavato dalla vendita di Brunello 2015 al fondo di solidarietà istituito dalla Regione Toscana, un gesto concreto e solidale per l’Italia e un aiuto alle persone in difficoltà.

Brunello di Montalcino DOCG 2015 è un vino elegante e di grande personalità, prodotto da uve di elevata qualità di un’ottima annata climatica.
Si presenta con un colore rosso rubino intenso con riflessi granati e i profumi classici del Brunello sono netti e prorompenti: le note di sottobosco, frutti a bacca rossa e sentori di viola.
L’annata particolarmente algida ha regalato a questo Sangiovese una vibrazione acida di grande profondità.

È ottimo in abbinamento ai Tordelli, una ricetta della tradizione toscana, espressione del rituale della pasta fatta in casa nei giorni di festa. L’armonia tra questo piatto e Brunello 2015 è sorprendente, grazie all’assonanza aromatica che si esprime nelle note speziate e nel grande spessore gustativo.

È possibile acquistare Brunello di Montalcino DOCG 2015 tramite lo shop online di Castiglion del Bosco: https://wine.castigliondelbosco.com/i-nostri-vini/brunello-di-montalcino/

Il Brunello Castiglion del Bosco nasce dall’unicità del vigneto Capanna che, grazie al suo isolamento naturale, alle caratteristiche del suolo e all’altitudine, trasferisce raffinata eleganza e grande personalità a questo prezioso vino.
L’annata 2015 è stata un’annata da manuale da punto di vista climatico e per la grande qualità delle uve. Luglio e agosto sono stati caldi e asciutti e le riserve idriche del terreno, accumulatesi nella primavera, hanno ottimamente mitigato la calura, aprendo così le porte ad un’annata eccezionale che ha visto nelle ottime escursioni termiche fra notte e giorno del mese di settembre il completamento di maturità eccellenti.
Le settimane fresche che hanno anticipato la raccolta hanno portato ad una perfetta sintesi di aromi e ad una perfetta maturità tannica.
Le uve alla raccolta erano sane e integre con grappoli e spargoli. Ottimi anche il contenuto zuccherino e le acidità.
La vendemmia delle uve destinate a Brunello di Montalcino è iniziata il 19 settembre, in anticipo rispetto alle annate passate. La varietà dei suoi e delle altitudini dei vigneti hanno consentito un’ottima integrazione di uve con caratteristiche diverse.

“Brunello 2015 è un vino di grande eleganza, con una texture fine. Ottima precisione olfattiva, dove spiccano note fruttate fragranti e fresche. Piacevolezza di bevuta dove calore alcolico e acidità si fondono in un grande equilibrio gustativo. Vino dalla grande longevità, destinato ad un lungo affinamento in bottiglia”. – Cecilia Leoneschi, enologa Castiglion del Bosco

Castiglion del Bosco è una delle tenute più grandi e storiche del territorio, la cantina è tra i soci fondatori del Consorzio del Brunello di Montalcino, nel 1967. Proprietà di Massimo Ferragamo dal 2003, Castiglion del Bosco è un luogo magico. Si estende su 2.000 ettari nel cuore della Val D’Orcia, Patrimonio dell’Umanità Unesco, con 62 ettari di vigneti.
L’approccio naturale alla viticultura – certificazione biologica – unito ad una tecnologia all’avanguardia in cantina, hanno permesso di raggiungere eccellenti risultati in termini di qualità dei vini e un perfetto equilibrio nel vigneto.
Il cuore della produzione, 250.000 bottiglie l’anno, è rappresentato da 4 etichette di Brunello di Montalcino DOCG, tra cui l’esclusiva edizione limitata Zodiaco, la riserva Millecento, il cru Campo del Drago; viene prodotto anche il Rosso di Montalcino e dal 2015 il Rosso di Montalcino cru Gauggiole.
L’azienda agricola produce inoltre Chardonnay, olio extravergine d’oliva toscano, grappa e miele locale.
L’elegante cantina accoglie al suo interno Millecento Wine Club, tra i più elitari nel mondo del vino e accessibile solo su invito, e propone diverse tipologie di tour, durante tutto l’anno, dalla degustazione di Brunello, all’arte dell’abbinamento con il formaggio, fino a prestigiose verticali con vecchissime annate, oltre ad un evento annuale per “vivere” la vendemmia.

La gestione della cantina è affidata all’enologa Cecilia Leoneschi. La tenuta comprende inoltre: The Club, l’unico golf Club privato in Italia con 18 buche disegnate dal leggendario campione del British Open Tom Weiskopf su in 210 ettari di morbidissime colline, e Rosewood Castiglion del Bosco, un resort 5 stelle L, situato nell’antico Borgo medievale, con 23 Suite, 11 Ville con piscina privata, Spa, 2 ristoranti, orto biologico e scuola di cucina.

www.castigliondelbosco.com

Articoli simili