Eventi

Bottiglie aperte 2019: cresce l’attesa per l’ottava edizione

 

Bottiglie aperte 2019: cresce l’attesa per l’ottava edizioneBottiglie aperte 2019: cresce l’attesa per la scintillante kermesse. Incomincia il conto alla rovescia per il taglio del nastro. L’iniziativa ritorna, il 6 e il 7 ottobre 2019, per l’ottava edizione. Operatori del settore e amanti del vino sono attesi al Superstudio Più: si tratta della prestigiosa location sita in Via Tortona, nel cuore della città meneghina.

Bottiglie aperte 2019: le eccellenze del mondo vitivinicolo italiano Il fine è condividere, con le aziende selezionate dal team di Bottiglie aperte, le eccellenze del mondo vitivinicolo italiano, che devono essere valorizzate e messe in luce. Sono importanti poiché sono ricche di caratteristiche uniche, in un mondo globalizzato. L’evento è prodotto e organizzato da Abs Wine&Spirits, Gruppo Aliante Business Solution, in collaborazione con Blend di Federico Gordini. Quest’ultimo è ideatore del format della manifestazione, che (perché negarlo?) si è affermata come il più importante appuntamento milanese sul vino.

Bottiglie aperte 2019: ecco le prospettive

È attesa una platea di oltre 5000 persone in rappresentanza di stampa, operatori di settore e appassionati. L’obiettivo dichiarato è fare il bis del successo delle precedenti edizioni. Si punterà su una formula che si è rivelata decisamente attrattiva: propone masterclass con verticali guidate da esperti e momenti di approfondimento sulle tematiche di attualità del mondo enologico, per informarsi e scoprire nuovi punti di vista. L’evento del 2018 ha registrato la partecipazione di 250 cantine vitivinicole, che hanno presentato 900 referenze in degustazione.

Bottiglie aperte 2019: cresce l’attesa per l’ottava edizione

Bottiglie aperte 2019: ecco gli operatori

Se, nella scorsa edizione, sono stati 4800 gli operatori presenti del settore Ho.Re.Ca., quest’anno si prevede la partecipazione di oltre undicimila iscritti, provenienti principalmente da Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna: sono proprio le regioni maggiormente rappresentate tra le aziende presenti. Tra queste, in qualità di partner della manifestazione, ci sarà l’agenzia di distribuzione Radici natural wines: essa ha radunato sotto la propria egida un gruppo di venti aziende presenti in catalogo e proporrà una masterclass sui vini naturali guidata da Sandro Sangiorgi, che sarà gradito ospite dell’evento.

Bottiglie aperte 2019: nuove collaborazioni messe in luce

In questa edizione sarà inaugurata inoltre la collaborazione con SpumantItalia e il magazine Bubbles Italia. Lo scopo è mettere a fuoco le bollicine: rendere visibile il mondo spumantistico italiano all’interno di un evento tanto rilevante, valorizzando coloro i quali, nel mondo-vino, promuovono creatività, originalità e soprattutto effervescenza. Alcune masterclass dedicate a tale ambito riserveranno particolare attenzione a realtà produttive, Consorzi ed enti che ritengono il palcoscenico milanese e il mercato Horeca essenziale per la propria crescita.

Bottiglie aperte 2019: Milano da bere

Un’altra novità sarà il “rilancio”, all’interno di Bottiglie Aperte, della base per cocktail “Franzini”. Si tratta di un prodotto che è nato nel solco della tradizione della “Milano da bere”: esso ha tutte le carte in regola per diventare un’invenzione di grande successo, poiché i cocktail sono varii, multiformi, creativi e originali e possono essere interpretati da diversi punti di vista.

Bottiglie Aperte, in sintesi, è un palcoscenico in voga, una vetrina da non sottovalutare: un appuntamento imperdibile non soltanto per il business di settore, ma anche per i wine lovers: per tutti gli amanti del vino più attenti alle nuove tendenze.

#bottiglieaperte #milanowineweek

 

Articoli simili