La specialità di Casa de Rinaldi è la Vera Pizza Napoletana

La specialità di Casa de Rinaldi è la Vera Pizza Napoletana

casa De Rinaldi

Ci siamo…manca poco e si parte ! Per un viaggio nel gusto ovviamente. A Napoli questi viaggi sono usuali poiché anche l’aria che si respira profuma di pizza e di cose buone.

Lunedi 20 Novembre alle ore 20,00 alla Via A e L. Sementini al Rione Alto a Napoli si terrà la presentazione di Casa De Rinaldi, che raccoglie le esperienze della storica pizzeria “Sasà Pizza Mia” del Maestro Pizzaiolo Salvatore de Rinaldi, della Taverna di Bacco, caratterizzata da cucina italiana tradizionale e di B-Zone, l’hamburgheria di Cristiano De Rinaldi che si contraddistingue per l’alta qualità della carni, proponendo panini fatti in casa abbinati ad una vasta proposta di birre artigianali tra cui spicca l’IPA-Zone realizzata su ricetta esclusiva dal Birrificio Karma. Ospiti d’onore saranno Claudio Bongiovanni (Rappresentante dei Molini Bongiovanni), Antonio Pace, presidente dell’Associazione Verace Pizza Napoletana accompagnato dal direttivo e Mario Cipriano del Birrificio Karma.
La serata sarà caratterizzata da una degustazione di alcune tra le creazioni e specialità di Casa Rinaldi.
Menù:
Focaccia (tipo Mastunicola) di impasto speciale (farina di tipo 2 o blend 1 e 2) con Lardo di Pata Negra
Sformatino verdure e fonduta di Caciocavallo Irpino da Pezzata Rossa
Tapas di baccalà

In Abbinamento: Quid Brut di Janare
Spicchio di pizza Verace Napoletana con mozzarella di Bufala D.O.P. e pomodorini del Piennolo D.O.P. con impasto tradizionale

In Abbinamento: birra chiara TipoPils del Birrificio Italiano.
Spicchio di pizza la Fordze con impasto ai 9 cereali

In Abbinamento: Birra IPA Zone.
Mini panino di Cristiano: Hamburger di bufalo, marmellata di Aglianico e Provolone del Monaco.

In Abbinamento: Super del Birrificio Baladin.
Dessert Saki Bon: mini panini fritti farciti con cioccolato nero o bianco.

In Abbinamento: Luppolo Amaro di Karma.

Casa de Rinaldi è ristorazione italiana, Vera Pizza Napoletana, hamburgeria, Birreria. Quattro aspetti che trovano un punto in comune nell’altissima qualità degli ingredienti utilizzati e nella passione verso la cucina.

Lo spazio creato da Salvatore, Rosa e dal figlio Cristiano si sposa con un’idea di alta cucina preservando la semplicità e i sapori della tradizione. Gli ingredienti selezionati rientrano tra le eccellenze del paese e provengono da numerosi presidi Slow Food per garantire la massima qualità.
La vera specialità di Casa de Rinaldi è la Vera Pizza Napoletana. Salvatore è docente per l’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana) con cui gira in Italia e nel mondo per diffondere e tutelare questo prodotto. Il suo primo e migliore allievo è stato suo figlio Cristiano, che fin da piccolo ha seguito le orme del padre e oggi si ritrova ad essere uno dei più giovani docenti per l’AVPN, richiesto per consulenze in tutto il mondo. Padre e figlio, grazie anche alla collaborazione con i Molini Bongiovanni si aprono alla ricerca e all’innovazione creando impasti speciali con farine integrali, ai 9 cereali e macinate a pietra. Altro punto vincente è la cantina dei vini e la vasta scelta di birre artigianali ricercate e selezionate personalmente in tutto il paese per trovare i perfetti abbinamenti con i piatti proposti.
La birra IPA ZONE, creata da Cristiano e già vincitrice di alcuni premi tra cui il “Campionato Italiano Beerfirm 2014”.
Salvatore de Rinaldi, Napoletano d’origine, a 13 anni inizia a lavorare presso il “Ristorante Pizzeria Stella”, il locale di famiglia, dove si appassiona alla manipolazione degli impasti. Nel 1989 nasce il marchio “Sasà Pizza Mia” che vede Salvatore impegnato in vari ristoranti d’ Italia, arricchendo così la sua formazione, sostenuto anche dalla moglie Rosa con cui condivide un’idea di ristorazione innovativa, dal carattere familiare, ma di alto livello qualitativo. Nel 1995 decide di accettare l’incarico in un ristorante a La Thuile in Valle d’Aosta, nasce così il suo primo ristorante affiliato all’Associazione Verace Pizza Napoletana. La svolta avviene nel 1998, quando sempre a la Thuile nasce il primo locale di Salvatore de Rinaldi, “La Fordze”, unendo la tradizione della cucina napoletana a quella locale, il locale riceverà la targa AVPN n. 147.
In quegli anni intanto Salvatore approfondisce le sue ricerche per un impasto multi-cereali, un impegno che sarà ripagato da numerosi premi gastronomici locali e nazionali. L’esperienza in Valle D’Aosta trasmetterà a Salvatore la passione per la cucina del nord Italia, l’abilità nella lavorazione delle carni e la passione per le le birre artigianali, di cui diventa un grande intenditore, anni dopo creerà la IPA ZONE, insieme al figlio Cristiano, birra che vincerà diversi premi.
Nel 2005 Salvatore e la moglie Rosa decidono di ritornare a Napoli, aprendo il ristorante pizzeria Taverna di Bacco al Rione Alto, che fin da subito riscuoterà un gran successo, diventando un punto di riferimento per tutta la zona ospedaliera e la città di Napoli grazie alla cucina di alto livello che alla tradizione partenopea unisce l’influenza nordica.
Seguono anni di grande successo in cui Salvatore può dedicarsi maggiormente anche ai tanti incarichi dell’AVPN, di cui è maestro pizzaiolo, tenendo corsi di formazione per giovani pizzaioli e consulenze per importanti pizzerie in tutto il mondo.
Nel 2014, apre B-Zone, proprio accanto al ristorante, un posto dove degustare le birre artigianali, gestito dal figlio Cristiano.
Sempre il 2014 vede la pubblicazione del libro “Quando la cucina diventa poesia”, scritto da Salvatore de Rinaldi con Vincenzo Trematerra e Vincenzo Russo, edito dalla Grafica Elettronica.
Nel 2016 inizia una collaborazione con i Molini Bongiovanni, con cui esplorerà nuovamente il mondo delle farine macinate a pietra per impasti ad alta idratazione.
Cristiano de Rinaldi, classe 1994, da subito si appassiona all’attività familiare nel ristorante pizzeria La Fordze. Nel 2005 torna a Napoli e comincia a collaborare al nuovo locale la Taverna di Bacco. I suoi interessi spaziano dall’arte della Pizza Napoletana, e si allargano alla cucina tradizionale, alla ricerca di birre artigianali e al panino; a lui si devono infatti alcuni perfezionamenti alla birra artigianale di famiglia IPA-ZONE, che nel 2014 vincerà il secondo posto al Campionato Italiano Homebrew a Parma. Cristiano studia come Sommelier, ottenendo il titolo presso la FISAR Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori. Dopo studi e ricerche sugli impasti riesce a realizzarne uno totalmente homemade, su queste basi nel 2016 nasce il Panino di Cristiano, una piccola selezione di panini di alta qualità realizzati al 100% in loco.
Cristiano collabora con l’AVPN (Associazione Verace Pizza Napoletana) come docente, partecipa a numerose iniziative ed eventi, ma soprattutto effettua consulenza per le pizzerie in tutto il mondo. Tutto questo fanno di Cristiano de Rinaldi uno dei giovani chef – pizzaioli più promettenti d’Italia.

HdiP

By | 2020-06-09T07:37:31+02:00 Novembre 2017|Eventi, I luoghi del gusto|