Eventi

Ruinart, la più antica Maison de champagne, celebra le giovani stelle della decima edizione della Guida ai Ristoranti in Italia e nel mondo di Identità Golose

Lunedì 14 Novembre, in occasione dell’anteprima della decima edizione della Guida ai Ristoranti in Italia e nel Mondo, la Maison Ruinart consegna il premio “Miglior Carta dei vini e distillati”.

“Per la Maison Ruinart è un grande piacere rinnovare l’adesione come Main Sponsor della Guida ai Ristoranti in Italia e nel Mondo, perfetto connubio tra il prestigio di Identità Golose e l’indiscussa qualità degli Chef presenti” afferma Francesca Terragni, Direttore Marketing & Comunicazione Moët Hennessy Italia. “Ed è un grande onore premiare le giovani Stelle della ristorazione italiana e internazionale, un riconoscimento per dei professionisti che si sono distinti con intraprendenza, passione, creatività, talento” .

Durante il congresso di Identità Golose, il prossimo marzo, appuntamento nella Lounge della Maison Ruinart con qualche sorprendente novità e le immancabili degustazioni delle sue Cuvée, guidate sempre dallo Chef de Cave Frédéric Panaïotis, rendez-vous molto attesi per scoprire “l’Esprit de la Maison”.
La storia della Maison Ruinart è innanzitutto la saga di una dinastia segnata da un destino fuori dal comune. Per più di due secoli, i Ruinart hanno avuto lo stesso sogno, quello di far diventare il loro Champagne un riferimento assoluto nel mondo. Custodi, gli uni dopo gli altri, del know-how familiare, si sono instancabilmente tramandati di generazione in generazione l’eredità e la sfida dello Champagne. Quasi tre secoli dopo, la “plus ancienne Maison de Champagne” rimane fedele ai suoi valori, quelli racchiusi per sempre nel mistero delle sue delicate bollicine d’oro, divenendo oggi una realtà di riferimento per una clientela internazionale di intenditori, oltre ad essere uno dei fiori all’occhiello del gruppo LVMH. Nelle loro bottiglie uniche, riconoscibili fra tutte, le Cuvée Ruinart sono la dimostrazione dell’eccezionale know-how della Maison nella difficile arte dell’assemblaggio. Si declinano in «R» de Ruinart, Ruinart Blanc de Blancs e Ruinart Rosé. A completare la gamma, le Cuvée de Prestige millesimate Dom Ruinart. Pregiate e ricercate, queste Cuvée coronano le migliori annate di raccolto, elette fra tutti per le loro qualità.

Gli appassionati e amanti delle Cuvée Ruinart e dei millesimati della più antica Maison de Champagne possono facilmente individuare sul Ruinart Network (www.ruinartnetwork.com) le migliori location italiane dove poter degustare e vivere lo “Spirit della Maison”. Iscrivendosi sul sito è possibile inoltre ricevere la newsletter ed essere aggiornati sulle iniziative della Maison e divenire dei “Ruinarters”. Il Network intende rafforzare il legame tra il mondo dell’arte contemporanea e la Maison Ruinart, che da sempre è profondamente impegnata in questo ambito. Presente in tutte le fiere internazionali più prestigiose, come Art Basel Miami, Art Basel, Fiac, miart e molte altre. Ogni anno Ruinart collabora con un artista diverso il quale, ispirandosi alla Maison, crea un coffret in edizione limitata e masterpiece unici e accattivanti, che restano nel patrimonio storico della Maison. Da Patricia Urquiola a Maarten Baas, da Hervé van Der Straeten a Piet Hein Eek all’artista e scenografo francese Hubert le Gall. Tutti hanno celebrato in modo del tutto innovativo e personale la storicità e l’unicità della più antica Maison de Champagne (www.ruinart.com).

Articoli simili

Dal 6 al 12 giugno 2016, torna la Negroni Week

Redazione 111

A Parma con Cibus c’è aria di festa

Birra Forst, tra i protagonisti di Terra Madre-Salone del Gusto di Torino

claudia.dimeglio