La verità sul pesce in scatola

La verità sul pesce in scatolaNuovi dati dell’Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed confermano la necessità di consumare più pesce, fresco o in conserva, per il bene della nostra salute

Il pesce si sa è un alimento insostituibile per una corretta alimentazione, infatti è un alimento chiave della Dieta Mediterranea. Purtroppo però in Italia il pesce è ancora troppo poco presente sulle tavole e, complice la crisi economica e modelli alimentari importati dall’estero, siamo lontani dalle quantità raccomandate di almeno 2 porzioni a settimana. Al convegno Nutrimi, la professoressa Licia Iacoviello, del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’Istituto Neurologico Mediterraneo IRCCS Neuromed, presentando i risultati del nuovo studio di popolazione Moli-sani[1] ha ribadito i benefici sulla salute derivanti dal consumo regolare di pesce e la sostanziale equivalenza tra gli effetti derivanti dal consumo di pesce fresco e in scatola. Questo perché contrariamente a quanto si pensa, le conserve ittiche mantengono le stesse qualità del pesce fresco e sono fonte degli stessi nutrienti: proteine nobili, Omega-3, ferro, fosforo e selenio.

«Il pesce fresco o in scatola è un alimento fondamentale per uno stile di vita corretto e salutare, come testimonia lo studio epidemiologico di coorte condotto su 25.000 Italiani di età superiore ai 35 anni, da cui è emerso che consumare pesce, fresco o in scatola, almeno due volte a settimana ha effetti benefici sulla salute, cardiovascolare in particolare, e riduce significativamente la  mortalità totale. Contrariamente a quanto si pensa, è stato anche dimostrato che le conserve ittiche hanno valori nutrizionali paragonabili al pesce fresco, soprattutto per quanto riguarda gli Omega3» dichiara la professoressa Iacoviello.

Tra i falsi miti più diffusi da smentire troviamo anche il tema dei conservanti di cui il pesce in scatola in realtà è privo: la conservazione del prodotto a lungo termine è garantita infatti dall’ermeticità della confezione e da un semplice trattamento termico, unito alla presenza di olio. Basta ad esempio leggere l’etichetta dei prodotti Rio Mare per scoprire che in realtà gli ingredienti usati sono semplicemente tre: pesce, olio d’oliva e sale.

Un altro luogo comune riguarda l’apporto di sale, un dato che va considerato alla luce della frequenza di consumo effettiva che è di 1 o 2 volte a settimana. Come indicato nelle banche dati di composizione degli alimenti nazionali e internazionali, una scatoletta di tonno sott’olio (52 g, sgocciolato) contiene infatti una quantità di sale simile a quella contenuta in 50g di pane, alimento che invece accompagna quasi ogni pasto degli Italiani.

E per quanto riguarda il mercurio? Non tutti sanno che il pesce utilizzato nei prodotti Rio Mare è tra i più controllati, poiché vengono effettuati regolarmente controlli lungo tutta la filiera e oltre 14.000 analisi l’anno. In particolare, i livelli di mercurio sono di gran lunga inferiori ai limiti previsti dalle leggi europee (1mg/Kg): nelle confezioni di tonno Rio Mare, ad esempio, i livelli di mercurio sono mediamente di 10 volte inferiori.

Per tutti questi motivi le conserve ittiche sono una pratica e valida alternativa al pesce fresco per un’alimentazione sana ed equilibrata, come quella suggerita dalla dieta mediterranea, i cui benefici sono riconosciuti universalmente.

Rio Mare è da anni impegnata nel diffondere i benefici nutrizionali del pesce e di una corretta alimentazione. Questo impegno ha portato risultati tangibili: la comunità di oltre 300 esperti in alimentazione e nutrizione, riunita a  NUTRIMI, ha attributo quest’anno alle Insalatissime Rio Mare 220g e agli Sgombri Grigliati Rio Mare all’olio extra vergine il premio NUTRIGOLD come miglior comunicazione nutrizionale. Un importante riconoscimento questo per le aziende che, nel campo della Nutrizione, dell’Alimentazione e della Salute, contribuiscono a promuovere una cultura del benessere.

La corretta nutrizione, insieme alla sostenibilità della pesca, al rispetto per l’ambiente e al benessere sociale, è una delle aree di azione della “Qualità Responsabile”, il progetto di Corporate Social Responsibility di Rio Mare che esprime l’impegno aziendale per una Qualità a 360° perseguita responsabilmente, nel rispetto dell’ambiente e delle persone, lungo tutta la filiera, dal momento in cui il pesce viene pescato fino a quando il prodotto arriva sulla tavola dei consumatori.

 

By | 2019-10-31T03:28:55+01:00 Maggio 2016|News|