I luoghi del gusto

Sfiziose tapas e vini selezionati per una serata dal sapore spagnolo al ristorante Tasca a Milano

Tutti i milanesi modaioli e di buona forchetta conosceranno sicuramente il “Tasca”, l’esclusiva taperia e vineria che sorge in Corso di Porta Ticinese al civico 14. Locale molto vivace, che merita una sosta per un aperitivo o per una cena da leccarsi i baffi. Piccolo ristorante di fronte alle milanesi colonne di San Lorenzo, ma accogliente e l’atmosfera è di casa. L’ambiente è volutamente rustico con travi a vista, lumi a parete in ferro battuto e mattoni rossi; in una sala-corridoio, lunga e stretta spicca il grande bancone in legno che introduce sul fondo alla zona tavoli, dove sembra di venire catapultati nel clima di una autentica cantina spagnola per assaporare la golosa ristorazione iberica.

Come tradizione spagnola vuole, al Tasca di Milano si possono gustare le famose tapas (melanzane farcite al tonno, peperoni verdi fritti, caponatina, polpettine in salsa di formaggio, arrosto di maiale, fagiolini e salsiccia in salsa piccante), salumi iberici (patanegra, jamon serrano), formaggi (queso manchego, tra gli altri), pulpo gallego, pollo adobado, gaspacho. Da accompagnare con l’immancabile sangria e con i selezionati vini della Catalogna targati Bodegas Torres. Il tutto, condito con simpatia, cordialità e tanta convivialità. Ma non finisce qui, perché il ristorante propone un ricco menù con diverse specialità tali da soddisfare l’esigenza di una cena vera e propria, per i palati più esigenti.

Dieci candeline per il Tasca e la guest star ai fornelli è Sergi Millet. Protagonisti i vini di Miguel Torres

Il Ristorante Tasca, lo scorso novembre ha celebrato il decennale con un party, una mostra fotografica e una cena speciale a cura dello chef spagnolo Sergi Millet, giunto a Milano da Barcellona per l’occasione, che ha pensato a un menù speciale composto da 8 tapas, 6 salate e 2 dolci, tra cui arroz caldoso de langostinos, bomba de la barceloneta piccante, albòndigas con sepia “mary montaña e, per dessert, cremoso de chocolate con aceite de olive 7 sal Mandon e espuma de crema catalana con sorbete de mandarino. Il tutto accompagnato da una selezione di vini della Catalogna by Bodegas Torres, a cura dell’enologo e sommelier Valera Montse. Ad aprire le danze bollicine, seduzione catalana, in abbinamento al jamon patanegra dal sapore sublime e delicato, l’essenza del puro Prosciutto spagnolo.

Cucina aperta fino alle 23.00

Torres Vini Nobili e Riserve: le etichette più rappresentative – note di degustazione

Celeste D.O.C.: Ribera del Duero

Varietà delle uve: 100% Tempranillo. Gradazione alcolica: 13,5% vol. Origine: a 895 metri di altitudine si può quasi toccare il cielo con un dito; al crepuscolo l’aria è fresca, rigenerante, e al giorno il sole illumina la terra in tutto il suo splendore. Qui, a 895 metri sul livello del mare, nasce Celeste, il primo vino di Torres in Ribera del Duero. Celeste è un vino opulento, pieno di profumi, corpo e colore, unico come un cielo di notte in Ribera del Duero. Mostra aromi e colore molto intensi, con note speziate di liquirizia e pepe nero su di un fondo di frutta matura (more e ciliegie). Sul palato è persistente, di gran corpo, con una 
buona struttura tannica.
 Dalle caratteristiche fruttate e di buona struttura tannica, questo vino si abbina di preferenza a piatti di carne, come arrosti e piccola selvaggina. Servire a una temperatura di 16-17°C.

90/100 su Wine Spectator (vendemmia 2003).

Fransola D.O.C.: Penedés

Varietà delle uve: 90% Sauvignon Blanc,10% Parellada. Gradazione alcolica: 12,5% vol.
Età della vigna: Sauvignon Blanc 12/18 anni.

Giallo paglierino riflessi verdi e oro. Aromi esuberanti di frutta, tipici del vigneto Fransola (frutto della passione e mango). Sentori vegetali (asparagi e chicco di caffè verde), presenta una eccellente densità al palato dovuta alla sua buona struttura acida. Intenso e persistente retrogusto. Ideale con i migliori piatti di pesce e crostacei. Si accompagna molto
bene anche con il pollame. Servire a: 8/10 °C.

Medaglia d’oro alla Expovina ‘99.

Gran Viña Sol D.O.C.: Penedés

Varietà delle uve: 85% Chardonnay, 15% Parellada. Gradazione alcolica: 13% vol. Colore giallo paglierino con sfumature verdi. L’uva Chardonnay rivela le sue migliori qualità in questo vino pieno di corpo e di aromi, con ricchi sentori floreali su di uno sfondo fruttato di pesche mature e finocchio. Sul palato è complesso, delicato, di elegante lunghezza. Note di vaniglia sul finale ci rivelano il suo breve invecchiamento in rovere francese. Eccellente con pesce e crostacei, in particolare con il salmone e le ostriche. Servire a 10°C.

Milmanda D.O.C.: Conca de Barberà

Varietà delle uve: 100% Chardonnay. Gradazione alcolica: 13,5% vol. Data di vendemmia: dal 15 Settembre.
Età della vigna: 14/16 anni.

Presenta sensuali note di pesche mature, caramella e noce moscata. Sul palato il vino è intenso, complesso, con un un delicato accenno di tostato. Finale lungo. Ideale con il caviale, il salmone affumicato, i migliori piatti di pesce e frutti
 di mare.

Mas La Plana D.O.C.: Penedés

Varietà delle uve: 100% Cabernet Sauvignon. Gradazione alcolica: 13,5% vol. Età della vigna: 28 anni

Color ciliegia scuro estremamente intenso, con riflessi mogano. Complesso e profondo
aroma, dove ricchi sentori di confetture di frutta si mescolano ad eleganti note di cacao e spezie. Sul
palato è sensuale, di una struttura eccezionale, in cui si fanno notare i suoi vellutati tannini nobili, che
culminano in un armonioso ed
elegante retrogusto. I suoi nobili tannini sublimano i
migliori piatti di carne;
superbo con la cacciagione. Servire a: 17/18 °C.

Mas La Plana è nella 
lista dei vini internazionali della American Airlines, e della Royal Caribbean Cruise Line.

MSecret del Priorat D.O.C.: Priorat

Vitigni: Cariñena e Garnacha

Produzione: 2.488 bottiglie
Gradazione alcolica: 14% vol
Acidità totale. All’olfatto mostra un aroma intenso e complesso che rivela il passaggio del tempo, in cui spicca una predominanza di note speziate (liquirizia, curry, cioccolato) insieme a reminiscenze di confettura di more e prugne, accompagnate da note di camomilla, tè, frutta secca tostata e noci. Inizialmente molto dolce sul palato, lascia poi il posto a una sensazione fresca e intensa, terminando infine in un finale lungo e raffinato.
Perfetto come aperitivo o abbinato a formaggi erborinati e cremosi. Ottimo anche con piatti elaborati a base di anatra. Veramente delizioso in accompagnamento a desserts al cioccolato o pere al vino.

Questo vino è un omaggio ai monaci del valoroso ordine certosino, che arrivarono in quello che oggi è il Priorat nel 1095 e iniziarono la coltivazione della vite. Nel 1835, un tumulto violento distrusse il lavoro di una vita e la folla saccheggiò il monastero certosino.

MFloralis Moscatel Oro

Varietà delle uve: Moscatel de Alejandria. Gradazione alcolica: 15% vol. Età della vigna: 15-30 anni.

Di un elegante color ambra con riflessi topazio scuro. Esibisce in tutto il loro splendore aromi fruttati (arance candite, scorze di limone, uva passa), floreali (rosa, geranio, giglio), e speziati (foglia di tabacco, chiodi di garofano). Sul palato mostra un eccellente equilibrio con note di miele e una delicata acidità. Ideale con i desserts.

Servito in due cene ufficiali in Polonia nel 1997: in occasione della visita del Re della Malesia e in occasione della visita della Regina della Danimarca. In USA questo vino è conosciuto con il nome di MALVASIA DE ORO.

Un passato fatto di passione, oltre che di grande qualità

L’azienda Torres è la più grande e, ormai leggendaria azienda vinicola della Spagna. Un vigneto tentacolare che domina la famosa località del Penedés, di proprietà della famiglia Torres il cui vino e la grappa risalgono a più di 140 anni fa. La Bodegas Torres, fondata nel 1870, ancora oggi a conduzione familiare, ma in costante e voluzione, è situata a Vilafranca del Penedés e dista a meno di un’ora da Barcellona. Da allora, le successive generazioni hanno portato avanti la tradizione centenaria dei Torres, attualmente, la quarta e quinta generazione sono al timone dell’azienda: Miguel A. Torres alla presidenza e Miguel Torres Maczassek alla direzione generale. I suoi vigneti storici producono alcune delle più ricercate e apprezzate uve che marcano inconfondibilmente le etichette più acclamate della regione.

www.torres.es

Mariella Belloni

 

Articoli simili