I luoghi del gusto News

Gourmet Abu Dhabi 2014 : protagonista lo chef italiano Marco Sacco

Questo ritorno in stile vedrà lo Chef Sacco partecipare al Gourmet Abu Dhabi 2014 dal 4 al 18 febbraio con una promozione del ristorante 18° all’interno del 5 stelle Hyatt Capital Gate, che deve il suo nome all’inclinazione dell’iconico edificio che è entrato a far parte, proprio per questa sua caratteristica, del  Guinness Book of Records.

“Seguo I progressi di Abu Dhabi fin dalla mia ultima visita all’Emirato di cinque anni fa e sono sinceramente stupefatto dei suoi cambiamenti e del fatto che sia praticamente irriconoscibile dall’ultima volta…non vedo l’ora di vederla di persona. Sono particolarmente felice di condurre la promozione all’Hyatt Capital Gate proprio per la sua caratteristica di torre pendente, più pendente della nostra Torre di Pisa, e che tanto ha fatto parlare di sé quando ha aperto. Voglio portare indietro con me le foto e ricordi di questa esperienza e condividerli con i miei amici, la mia famiglia e gli ospiti del mio ristorante” ha affermato lo chef che guida il due volte stellato ristorante Piccolo Lago.

Avendo assistito Abu Dhabi Tourism & Culture Authority (TCA Abu Dhabi), organizzatore del festival gourmet, con l’apertura degli uffici italiani nel 2009 a Milano, lo Chef Sacco aveva definito l’Emirato come “uno dei luoghi più ospitali in cui sia mai stato, dove sarete ricevuti con la più calorosa delle accoglienze”.

Cinque anni dopo, lo Chef Sacco è impaziente di vedere la trasformazione dell’Emirato in una destinazione turistica d’eccellenza. “Ciò che mi impressionò più di tutto nella mia prima visita cinque anni fa fu la forte connessione con le radici e le tradizioni dell’ospitalità: è chiaro che il benvenuto ai viaggiatori è intrinseco nella cultura locale,” ha continuato lo Chef Sacco. “Ero affascinato dai costumi locali e ho scoperto come i beduini e le realtà tribali accoglievano e nutrivano i viaggiatori incontrati nelle regioni desertiche. I pasti erano occasioni sociali in cui i viaggiatori sedevano con le tribù condividendo cibo, storie e notizie. Nel 2009, tutto questo si manifestava in modo più moderno con locali, turisti e stranieri tutti seduti insieme. Sono eccitato all’idea di vedere i grossi cambiamenti che ci sono stati”.

Cofondatore de Le Stelle del Piemonte, che riunisce un gruppo di chef stellati della regione, Sacco ha promosso la cucina tradizionale italiana in tutto il mondo. Da poco, la famiglia Sacco ha ampliato il suo impero culinario aprendo il The River Club Restaurant a Pechino.

Le vaste esperienze culinarie internazionali hanno conferito innovazione alla cucina dello chef Sacco e  gli ospiti del Gourmet Abu Dhabi potranno contare su menu ricchi, dai più classici piatti con tartufo bianco a piatti di gusto più etnico.
La mia cucina risente molto delle mie radici e delle mie tradizioni e solitamente uso prodotti che possano essere recuperati entro i 50km di distanza dal mio ristorante Piccolo Lago. Il Piemonte è ricco di cultura, storia e prodotti, quindi preferisco usare come miei ingredienti fondamentali quelli che conosco meglio. Ma quando sono in cucina non ho limiti e mi piace sperimentare con spezie orientali e tecniche globali” ha aggiunto Sacco.

Ashwini Kumar, General Manager di Hyatt Capital Gate Abu Dhabi, crede fermamente che la promozione del 18° restaurant dello chef Sacco è destinata ad essere uno dei momenti clou del Gourmet Abu Dhabi. “Lo Chef Sacco è uno degli esponenti leader della cucina italiana tradizionale, una delle cucine preferite degli emiratini e in tutto il mondo” ha concluso Kumar. “Abbiamo grandi piani per questa promozione e il nostro team è già in contatto con Marco per far si che queste serate sia l’argomento di discussione ad Abu Dhabi e in Italia il prossimo febbraio”.

Foto by Abu Dhabi Tourism & Culture Authority

Articoli simili

Leave a Comment