Vescovado Bianco, eccellenza calabra

Vescovado bianco, eccellenza calabra

 

Il Vescovado Bianco Santa Venere trae origine dal vitigno autoctono Guardavalle coltivato con i dettami dell’agricoltura biologica e situato nella Tenuta Voltagrande a Cirò (Crotone), a pochi passi dal mare.

Le uve, raccolte nella prima decade di settembre, sono sottoposte a una pigiatura soffice e a una fermentazione a temperatura controllata. Successivamente, il vino sosta sul suo deposito per 5 mesi per ottenere un perfetto sviluppo degli aromi secondari. A conclusione dell’affinamento, seguono 2 mesi in bottiglia. Vescovado Bianco, eccellenza calabra

Il risultato è un vino secco, fresco, estivo, sapido e aromatico, contraddistinto da un profumo inconfondibile di frutta esotica che ricorda la Calabria; al palato è un vino di grande struttura. 

A tavola, il Vescovado Bianco Santa Venere, si sposa bene a crostacei e frutti di mare: le pietanze ideali della bella stagione. Ottimo anche come aperitivo, si consiglia di servirlo stappando la bottiglia al momento, a una temperatura non inferiore ai 12/14° C. 

Anche il vescovado rientra nell’ambizioso progetto Autoctoni di Calabria, ideato e promosso da Santa Venere nel 2010, che ogni anno prevede il lancio di un nuovo prodotto ottenuto da vitigni autoctoni. Rinnovare costantemente l’impegno a tenere alto il nome della Calabria e delle sue eccellenze enologiche è infatti la mission dell’azienda. 

Nei prossimi anni verrà sperimentata questa varietà di uva in versione spumante metodo classico per affiancare il già celebre SP1 rosé a base di uve gaglioppo.   Prezzo al pubblico: 9,50 euro

By | 2020-10-05T18:42:04+02:00 Giugno 2013|I luoghi del bere|