I luoghi del bere I luoghi del gusto

Per l’indipendence day a cena all’Hilton Milan con la birra americana

Paolo Ghirardi

 4 luglio, riflettori puntati sulla tradizione birraia a stelle e strisce
Protagonista del secondo appuntamento con la birra artigianale di qualità e con la cucina dell’Hilton Milan, la sera di giovedì 4 luglio, sarà la birra americana. Un appuntamento imperdibile per gourmet, foodies e amanti di una delle più diffuse e antiche bevande del mondo, qui sapientemente accostata alla cucina di Paolo Ghirardi, Executive Chef dell’Hilton Milan.

Hilton accende i riflettori sul mondo della birra in un momento in cui la bevanda registra nel nostro Paese una crescita costante, grazie all’aumento della disponibilità di prodotti italiani ed esteri di qualità, oltre che alla nascita di un movimento birraio artigianale italiano. L’appuntamento del 4 luglio, Festa dell’Indipendenza Americana, è il secondo di una serie di degustazioni iniziate lo scorso 17 maggio e condotte da Alessandro Coggi, grande conoscitore del mondo birraio, degustatore e giudice in concorsi birrai.

A partire dalle 19.30, apriranno la degustazione due birre italiane di ispirazione statunitense: la Calypso, american pale ale di colore ambrato ideale come aperitivo grazie all’intenso aroma di luppoli americani, amaro piacevole e dal gusto non eccessivo, proposta insieme in abbinamento a pastrami di manzo con funghi selvatici marinati. Seguirà Emma, american wheat ale, fresca come una birra di frumento classica (poco presente nella produzione italiana), che accompagnerà polipo ligure arrostito su tortino di patate, coriandoli di peperone e marmellata di cipolle di Tropea.

La terza degustazione vedrà come protagonista la californiana Boont Amber Ale: struttura e aromaticità di malto e luppoli, abbinata ad un filetto di tacchinella cotta a bassa temperatura con purè di carote e frittura di zucchine.

Toccherà a un cheese cake alla vaniglia Bourbon e salsa di pistacchi di Bronte, dessert americano per eccellenza, chiudere la degustazione insieme a Old Foghorn, vino d’orzo potente e complesso che si distingue dall’originario inglese per il luppolo Cascade.

Il costo della degustazione e della cena è di 39 Euro a persona (sconto del 10% prenotando almeno dieci giorni prima o per due persone).

Dress code: jeans!

Articoli simili

‘Emozioni dal Mondo’ si conferma il concorso dove emergono le nuove eccellenze vinicole internazionali

Mitch Lienhard si aggiudica invece l’“Inspiring Message Award by S.Pellegrino”

Redazione 111

‘Pace a Tavola’ a Identità Golose Milano 2016

Redazione 111

Leave a Comment