I luoghi del bere News

RE MANFREDI…vini di territorio, vini di vitigno, vini di vulcano

serparaTERRE DEGLI SVEVI

E’ qui dove nel più tardo autunno si consuma l’ultima vendemmia d’Italia.

All’orizzonte nasce il disco infuocato del sole. E’ la luce. Non è il calore. Le pendici del vulcano e le nostre vigne sono più su, più alte della Murgia assettata all’orizzonte. Il nostro vino è figlio del nostro pensiero, delle nostre mani ma soprattutto della luce e del vulcano.

Terre degli Svevi è un progetto ambizioso che nasce nel 1998 nel cuore della zona di produzione dell’Aglianico del Vulture DOCG.

Un’elegante ed accogliente masseria svetta al centro della proprietà che si estende per 120 ha di vigneti. A fianco della masseria si trova la moderna e dinamica cantina condotta dal winemaker Andrea Lonardi. La tecnologia e l’innovazione della Tenuta sono state dedicate all’esaltazione delle peculiarità e unicità di quello che è considerato il più antico dei vitigni italiani…L’Aglianico.

Nel vicino comune di Maschito, Terre degli Svevi possiede un cru di vecchi vigneti, impianto 1977, dove, nel rispetto della biodiversità, oltre ad effettuare tutte le selezioni per i nuovi vigneti, si ottiene il cru dell’azienda: il “Serpara”. L’intera proprietà gode di una posizione ideale ai piedi del Vulture, un vulcano spento sulle cui pendici si coltiva da sempre l’Aglianico. Qui le viti crescono in un terroir particolare, caratterizzato da un clima, non mediterraneo, ma continentale e contraddistinto da estati molto soleggiate e calde, con forti escursioni termiche tra il giorno e la notte.

Ed è proprio in queste terre che il RE MANFREDI, figlio di Federico II di Svevia amava rifugiarsi dopo lunghe battute di caccia. Proprio a Lui è dedicato il pregiato Aglianico del Vulture di Terre degli Svevi.

La tenuta si trova a pochi passi da Venosa, cittadina illustre per aver dato i natali nel 65 a.c. al poeta latino ORAZIO.

IL TERRITORIO E L’AGLIANICO

all’emigrante, al soldato, a chi torna dai santuari o dall’esilio, a chi dorme negli ovili, al pastore, al mezzadro, al mercante, la Lucania apre le sue lan de, le sue valli dove i fiumi scorrono lenti come fiumi di polvere.    Leonardo Sinisgalli

La Basilicata è ancora una delle regioni d’Italia più genuine, dove chi ancora domina è la natura. Qui la vite si contende il territorio con il più diffuso ulivo.

Il Vulture domina l’altopiano con i suoi 1300 m di altezza come se fosse il custode, proteggendo l’integrità paesaggistica e naturalistica che ancora questo territorio incontaminato sa offrire.

L’Aglianico, dal nome del vitigno di origine greca Ellenico, diffuso anche nell’Avellinese e nel Beneventano, nel Vulture, grazie alla matrice lavica del terreno, si caratterizza per corposità e caratteristiche organolettiche tutte particolari.

LA FILOSOFIA

E’ grazie al binomio tradizione – innovazione che concepiamo i nostri vini! Se vivi a Terre degli Svevi, se lavori queste vigne e se cresci quest’uva fino a vederla esprimersi in un bicchiere, senti il bisogno che…nel bicchiere si possa percepire ed assaporare, grazie ad una grande pulizia e freschezza, la forza, l’eleganza dei profumi e le emozioni che questo incontaminato territorio e questo antichissimo vitigno sanno offrire…  Andrea Lonardi

Tufo, suoli alluvionali ma soprattutto la componente vulcanica, il clima continentale e le forti escursioni termiche dovute all’altitudine (450 m s.l.m.), caratterizzano in maniera unica non solo questo territorio ma anche i suoi vini. Ecco perché oltre all’aglianico nei nostri vigneti hanno trovato un accogliente e consono ambiente anche vitigni aromatici come il Muller Thurgau ed il Traminer.

A noi non resta che proteggere ed esaltare la spiccata freschezza, ma soprattutto la mineralità e sapidità, caratteristiche che conferiscono ai vini uno straordinario equilibrio e bevibilità.

                                                                                                                                                                    Selezione TERRE DEGLI SVEVI

RE MANFREDI Aglianico del Vulture DOC

Re Manfredi è l’Aglianico del Vulture che esprime la filosofia aziendale. Proviene dalla selezione delle uve migliori della Tenuta di 52 ha a 400 m s.l.m. su suoli di origine vulcanica nel comune di Venosa. E’ un vino dal colore rubino profondo ed intenso; profumo ampio e complesso, con note dominanti di ciliegia amara, di erbe aromatiche e lontani ricordi di vaniglia e timo; sapore di personalità eccezionale, potente, imperioso, con elegante e caldo fondo di spezie e crema; sapido e minerale.

SERPARA Aglianico del Vulture DOC

E’ il cru della Tenuta; nasce da vecchie vigne in un piccolo vigneto di 6 ha nel comune di Maschito a 500 m s.l.m., su suoli prevalentemente  di origine vulcanica. E’ un vino che trasmette fedelmente le caratteristiche di questo vitigno e di questo territorio. Ha colore rubino, non sempre profondo ed intenso. Al naso ha note dominanti di ciliegia amara, di erbe che ricordano la macchia mediterranea. Vino di notevole personalità con tannini setosi e molto persistenti. Sentori di cioccolato caratterizzano questo cru con finale persistente e fruttato.

RE MANFREDI Bianco– Basilicata IGT

Proviene da 20 ettari di vigneto, su suoli di origine vulcanica dal grande potenziale per varietà aromatiche come il Muller Thurgau ed il Traminer. Grazie al clima continentale riescono  ad esprimere e proteggere la loro aromaticità. Il risultato è un vino con colore verde paglierino con riflessi dorati. Profumo molto complesso con note fruttate di mela e pesca. Note speziate di salvia ed ortica accompagnate da sentori di rosa e cannella. In bocca il vino esprime una spiccata mineralità che gioca in maniera intrigante con un leggero residuo zuccherino.

RE MANFREDI Rosato- Basilicata IGT

E’ una interpretazione molto moderna del territorio e del suo vitigno, l’Aglianico. La vinificazione di uve Aglianico avviene attraverso una macerazione su buccia di 6-8 ore e successivo salasso della parte più nobile del mosto. Il mosto una volta raggiunta questa colorazione, che ricorda i coralli, viene decantato a freddo, come fosse un bianco, e fatto fermentare a basse temperature. Il colore rosa corallo di questo vino è cristallino e luminoso; profumo ampio e complesso con note fresche di ciliegia amara, fragola, lampone e timo.

Terre degli Svevi s.r.l.

Località Pian di Camera – 85029 Venosa (PZ)

tel. +39 0972 31 263 – ww.giv.it

foto by Google

Articoli simili

Leave a Comment