I luoghi del gusto News

Un autunno ricco per il Monte Olmi: il lotto con le 3 magnum del 2006 battuto a 90.000 dollari a Hong Kong

Sembra proprio che questo sia l’anno del Monte Olmi, l’Amarone portabandiera della cantina dei Fratelli Tedeschi. Non solo l’annata 2007 si è aggiudicata i 3 bicchieri del Gambero Rosso e le Super 3 Stelle di Veronelli, ma quella 2006 ha spopolato all’asta organizzata dal Comitato Grandi Cru d’Italia a Hong Kong in collaborazione con il Politecnico della regione cinese. Il ricavato dell’asta infatti era completamente destinato al corso di laurea in Hotellerie e Turismo.

L’asta, battuta da Christie’s, si è tenuta il 23 ottobre scorso presso l’Hotel Icon di Hong Kong e i lotti da vendere all’incanto erano 11, in uno dei quali erano appunto comprese le 3 magnum di Amarone della Valpolicella Doc Classico Monte Olmi 2006. La base d’asta per il lotto era stata fissata a 32.000 dollari, ma alla fine il lotto è stato aggiudicato al triplo, ossia a ben 90.000 dollari, che equivalgono a poco più di 9.000 euro. Da solo il lotto con  Monte Olmi ha rappresentato quasi il 10% dell’intero ricavato dell’asta, che ha di poco superato il milione di dollari.

All’evento erano presenti l’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese Attilio Massimo Iannucci e il Console Generale d’Italia a Hong Kong Alessandra Schiavo, mentre nel pubblico si potevano contare molti fra i primi 15 miliardari della classifica di Forbes.

Il vino italiano in Cina ha ancora molta strada da fare, visto che rappresenta soltanto il 7% delle importazioni totali, contro il 50% della Francia, ma Hong Kong rappresenta un’importante porta d’ingresso, e i vini Tedeschi sono già molto conosciuti e apprezzati nell’ex colonia inglese. Per dare maggiore visibilità ai vini italiani il Comitato Grandi Cru ha siglato un accordo con la Camera Nazionale della Moda Italiana, e le boutique delle grandi firme del fashion Made in Italy a Hong Kong esporranno nelle loro vetrine i vini per una settimana.

Nel frattempo, nei vigneti di casa Tedeschi nella Valpolicella Classica continua a ritmo serrato l’opera di zonazione e di caratterizzazione, la medesima che si è conclusa nella primavera scorsa nelle vigne di Maternigo e che ha portato a una perfetta gestione delle piante nel corso di questa stagione così complessa. Nel vigneto Monte Olmi, come in quello di San Giorgio e in tutti gli altri di proprietà dei fratelli Tedeschi, le analisi delle qualità del terreno e delle risposte produttive della pianta stanno già dando risultati estremamente interessanti, che a breve porteranno l’azienda a disporre di una visione scientifica di tutto il parco vigneti. Questo significherà produrre con ancor minore impatto ambientale, con sempre maggior rigore, senza sprechi di mezzi e di risorse e con una capacità di intervento capillare che ben poche altre aziende italiane possono attualmente vantare.

Se è vero che i grandi vini sono quelli che hanno un’anima, è altrettanto vero che la grande anima dei vini dei fratelli Tedeschi poggia su solide basi scientifiche.

Articoli simili

Premio Riso gallo

redazione1

DREHER PARTNER DELL’ACCADEMIA DEL PEPERONCINO

anna.rubinetto

Alla Réserve Genève Hotel ricetta smoothies detox per restare in forma

anna.rubinetto

Leave a Comment