quandoo: i 15 ristoranti open air delle maggiori citta’ d’arte italiane

Quandoo –  la piattaforma di prenotazione di ristoranti con la più rapida crescita a livello globale, che permette di prenotare in oltre 18.000 ristoranti nel mondo di cui 5.000 in Italia –  segnala i  ristoranti più prenotati sulla piattaforma,  dove i turisti possono assaporare un’ottima cena tipica ‘open air’ nelle nostre città d’arte.

Le località d’interesse storico e artistico del nostro Paese hanno chiuso in crescita anche il 2018, con un aumento sia degli arrivi (44,4 milioni, 600mila in più del 2017) sia delle presenze, che passano da 110 milioni a 113,4 milioni.

 Ma ad attirare nel nostro paese così tanti turisti sono anche le bontà gastronomiche, apprezzate in tutto il mondo. Oltre alla cultura, anche il buon cibo è, infatti, un volano trainante del turismo in Italia, come confermano i recenti dati Enit.

Quandoo ha analizzato le prenotazioni dei locali che offrono spazi per mangiare fuori e i numeri parlano chiaro: la bella stagione ha portato un incremento di prenotazioni nei ristoranti ‘open air’ con una crescita del 45% delle prenotazioni nei mesi di aprile, maggio, giugno rispetto al trimestre precedente (gennaio, febbraio, marzo).

La proposta enogastronomica della Penisola è ampia e offre diverse proposte e ristoranti per tutti i gusti, ma durante le vacanze la possibilità di poter gustare i pasti all’aperto per immergersi completamente nel panorama delle nostre città d’arte diventa un must per i turisti in visita nel nostro Paese. 

I ristoranti con terrazza o dehor nelle maggiori città d’arte italiane

Da nord a sud diversi sono i ristoranti dove mangiare all’aperto potendo godere di splendidi scorci e, perché no, rilassarsi in vere e proprie terrazze sul mare! Ecco una selezione dei locali più prenotati su Quandoo durante la stagione estiva a Roma, Milano, Firenze, Venezia e Napoli.

Roma

  • Angelina: a Testaccio, quartiere di Roma situato a sud-ovest, in via Galvani, questo ristorante propone piatti della cucina tradizionale romana. Da provare: tonnarelli al rosso d’uovo
  • Ar Galletto: ristorante tipico della tradizione romana, non è solo un locale storico presente dal 1500 come Osteria del Borgia, ma anche un’oasi di relax in uno degli squarci più belli della città. Situato in piazza Farnese, dispone di un bellissimo dehor dove potersi rilassare. Da non perdere la tartare di tonno rosso agli agrumi e pepe rosa
  • Due Ladroni: intagliato all’interno di un palazzo storico nel centro città, questo locale è tra i più eleganti della zona e offre piatti della cucina romana da poter gustare nella terrazza esterna che affaccia su piazza Nicosia. Da provare: risotto cacio e pepe con tartare di gamberi rossi

Milano

  • Note di cucina: in zona Corso Buenos Aires, esattamente in viale Monza, questa trattoria offre la cucina di una volta, dove tutte le pietanze rappresentano un inno alla tradizione gastronomica italiana più antica. Da non perdere il Gran Tagliere con Torta Fritta, Crudo di Parma DOP, Salame Felino IGP, Mortadella Bologna IGP e tris di formaggi accompagnati con composta delicata ai peperoni
  • Antica Trattoria Monlué: la via che dà il nome a questo ristorante si trova vicino alla stazione Forlanini di Milano, a est del centro. L’Antica Trattoria Monlué è un locale culinario inaugurato dal cardinale Filippo Boncompagni e gestito, per otto generazioni, dalla famiglia Mandelli. Dopo un passaggio di mano al maresciallo Radetzky, oggi il locale è gestito dalla chef Emilia Lomazzo. Il menu, di pesce e di carne, si incastra con l’atmosfera casalinga del locale. Perfetto per le temperature estive il carpaccio crudo di pesce con frutta esotica e salsa di rafano
  • Movida: nel cuore del naviglio pavese, questo ristorante è un dei locali più creativi in zona, dove la cucina è in continuo fermento. Da non perdere il filetto di salmone in panatura croccante su crema di zucchine e fiore fritto

Firenze

  • Chalet Fontana: tra le colline di Arcetri, a sud di Firenze, questo ristorante ha dato i natali a diversi scrittori, da Dante a Pratolini. Nato nel 1896 come caffè letterario, oggi è un raffinato locale in cui la cultura gioca ancora un ruolo fondamentale. Da provare: ravioli di gamberi rossi e ricci di mare con datterini, scalogno, broccoli e schiuma di prezzemolo
  • Santarosa: ristorante di pesce sul Lungarno di Santa Rosa offre un percorso degustativo nei meandri della cucina italiana di mare, dove materie prime di qualità e prodotti sempre freschi e genuini la fanno da padrone. Da provare: polpo alla piastra con carciofi alla brace, maionese di yogurt e arancia
  • I Ghibellini: locale situato nel centro storico di Firenze in via S. Pier Maggiore, non distante da piazza della Signoria, propone cucina toscana DOC. Le materie prime utilizzate nei piatti sono di qualità, come anche la preparazione delle pizze che utilizza un impasto di farine artigianali e lievitazione a 36 ore. Da non perdere la pizza al pesto di pistacchio, mortadella e provola

 

Venezia

  • Essentiale Restaurant Lounge Bar: il Lido di Venezia rappresenta una delle anime più eleganti ed esclusive della città. Questo locale si trova in via Sandro Gallo e offre una cucina gourmet da gustare alla vista della Laguna. In menù: Frittura di calamari, gamberi e zucchine in pastella
  • Bistrot De Venise: in Calle dei Fabbri, nel sestiere di San Marco, il ristorante propone una cucina ricercata capace di riscoprire le radici più antiche della cucina veneziana. Da provare i raffioli de herbe del Cuoco Anonimo Veneziano XIV sec.: ravioli farciti al formaggio dolce, ricotta fumé ed erbe aromatiche con cialda allo zucchero grezzo
  • Ristorante al Paradiso: situato nel sestiere di San Polo, in Calle San Paradiso, questo è un ristorante veneziano perfetto per godere l’essenza unica di Venezia, assaggiando le migliori portate della cucina tipica in un contesto raffinato e curato. Da non perdere il risotto di scampi, champagne e pompelmo

Napoli

  • A Fenestrella: questo ristorante di Posillipo in via Marechiaro si affaccia direttamente sul mare e offre un menu capace di racchiudere i sapori tipici della cucina campana. Dal menù: tartare di ricciola
  • La Bersagliera:  situato a Borgo Marinai, questo ristorante è diventato uno dei punti di riferimento della cucina partenopea e locale storico del nostro Paese, con quasi cent’anni di attività. Da provare la Cassuola Bersagliera, una piccola zuppa di pesce e frutti di mare
  • La Frescheria: in via Francesco Fracanzano nel Vomero, questo locale si contraddistingue per un ambiente informale, accogliente e dal gusto moderno dove gustare piatti di mare. Da non perdere l’insalata di seppie cotte al vapore con carciofi marinati al limone e schiacciatina di patate

“La possibilità di pranzare o cenare all’aria aperta è molto ambita soprattutto dai turisti che possono godere di una vista previlegiata su tutto ciò che li circonda, anche durante i pasti, senza perdere un momento della bellezza delle nostre città d’arte”, commenta Andrea Favarato, VP Southern Europe di Quandoo. “La proposta di questi locali in Italia è vasta e ricopre tutta la Penisola, dove è possibile scovare locali su piazze storiche ma anche scorci sul mare per offrire ai visitatori una vera vacanza Made in Italy!”.

Print Friendly, PDF & Email
By | 2019-08-18T13:52:39+00:00 Agosto 2019|I luoghi del gusto|